Balconevisi, scuola flessibile per confermare le iscrizioni e scongiurare la chiusura

Giglioli: "Nessun pericolo imminente, voglio essere chiaro"

“Ce la dovremmo fare a confermare le iscrizioni alla scuolina di Balconevisi di San Miniato, ma serve una riflessione e un maggiore impegno”. Il futuro delle scuole in Valdegola, fra numeri esigui e criticità, sono stati al centro di un incontro della consulta lunedì sera, alla quale hanno partecipato, insieme ad alcuni rappresentanti dei genitori, anche il sindaco Simone Giglioli, l’assessora alla scuola Giulia Profeti e la vicepreside dell’istituto comprensivo “Buonarroti” Lucia Castaldi.

“Una riunione esplorativa intorno al problema, non legata ad un’emergenza – ha voluto sottolineare il primo cittadino –. Non abbiamo sentore di un pericolo chiusura imminente, voglio essere chiaro. Ma è evidente che se i numeri sono questi, è bene che il problema venga fuori prima, permettendo a tutti gli attori intorno alla scuola di correre ai ripari”.

Guardando ai dati anagrafici delle zone di pertinenza della scuola (Corazzano, La Serra, Balconevisi) i potenziali iscritti dell’anno prossimo sarebbero 16 e andrebbero a confermare più o meno i numeri attuali, sempre che i genitori non decidano per altri luoghi. Situazione che rischia di innescare un effetto domino sul sistema educativo in Valdegola: a cascascata, infatti, le poche iscrizioni alla scuola dell’infanzia nell’unica struttura della zona potrebbero sentirsi anche sulla scuola elementare più vicina, a La Serra, dove in terza quest’anno sono 27 ma negli ultimi anni i numeri si sono andati assottigliando, fino ai 13 della prima elementare odierna. Tutto questo mentre in altre scuole del comune, invece, si registrano casi di affollamento e classi numerose.

“Sono scuole – ha ribadito il sindaco – che offrono un alto livello di servizio, legato profondamente ai luoghi in cui sono e al fatto che la comunità e le sue realtà sono coinvolte attivamente nella vita scolastica dei bimbi. Sono scuole che garantiscono numeri nelle classi ottimi per l’insegnamento e che si trovano in un bellissimo contesto. Proprio per questo è nostro dovere far passare questo messaggio e scongiurare che prevalgano scelte legate alla comodità di trasporti e affini”. Al centro del dibattito di lunedì, nei locali del campo sportivo, l’ipotesi di correre ai ripari intervenendo anche sulle abitudini di alcuni genitori che, venendo via tutte le mattine per lavoro dalla Valdegola, dove risiedono, preferiscono iscrivere i propri figli in altre scuole del comune.

“La libertà di scelta sulle iscrizioni è sacra – ribadisce l’assessora Profeti –. Ciononostante dagli spunti di molti genitori in riunione sono venute fuori delle idee che possono rendere più allettante la scuola di Balconevisi. Proposte come quella di anticipare l’orario di ingresso a scuola o rimodulare quelli del trasporto scolastico in modo da venire incontro alle necessità di chi la mattina si deve recare a lavoro altrove. Le scuole della Valdegola sono un’eccellenza e questo dovrà essere sottolineato maggiormente anche in occasione degli open day e dei momenti dedicati ai genitori dei bimbi in uscita dagli asili nido. Conoscere meglio l’offerta di queste scuole e magari la maggiore flessibilità potrebbe influire positivamente sulla scelta della scuola”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.