Quantcast

Plastica nel Padule di Fucecchio, il Consorzio di Bonifica pronto a incrementare la pulizia

"Stiamo portando avanti una sperimentazione sul fiume Morto, con barriere mobili per bloccare i rifiuti"

“Purtroppo la quantità di plastica che arriva nei nostri fiumi e che si deposita nei bacini d’acqua è sempre maggiore, così come quella che finisce in mare”. Nonostante questo, però, il consorzio di bonifica 4 Basso Valdarno “è pronto a incrementare il proprio impegno nella pulizia del Padule di Fucecchio“. Lo garantisce il presidente del Consorzio Maurizio Ventavoli.

“Siamo – precisa – già impegnati su questo fronte da anni e che non si tratta per il Consorzio di un lavoro nuovo”. I rifiuti e le plastiche in particolare nei corsi d’acqua, però, precisa, sono un problema che “ha conosciuto un aumento esponenziale negli ultimi anni e, proprio per questo, stiamo studiando nuove soluzioni. Siamo assolutamente disponibili a confrontarci con tutti i soggetti preposti per idee e tecniche d’intervento innovative, che aiutino a tenere sotto controllo il problema, ma anche a gestirlo all’origine. Va infatti detto che il fenomeno della plastica nel Padule di Fucecchio non può essere affrontato solo in loco. La maggior parte dei rifiuti arriva da monte, trasportata dai corsi d’acqua ed è qui che bisogna principalmente agire”.

E il Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno è già ponto a studiare la situazione sulla base di altre esperienze maturate in questi anni. “Stiamo portando avanti – aggiunge il presidente Ventavoli – una sperimentazione simile sul fiume Morto dove sono state applicate delle barriere mobili per bloccare il trasporto di plastiche e altri rifiuti verso il mare. Il nostro Consorzio sta già affrontando la tematica della plastica su corsi d’acqua e impianti idrovori in altre zone umide, con la collaborazione tecnico scientifica dell’Università, per intercettare le plastiche e capire al meglio la loro provenienza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.