Lavoro tra diritti e doveri, la Cgil fa scuola al Cattaneo foto

I ragazzi di 9 classi quinte hanno partecipato a 3 momenti di formazione

Il lavoro è fatto di diritti e doveri. A spiegarlo ai ragazzi delle classi quinte dell’istituto tecnico Carlo Cattaneo di San Miniato, è stato il sindacato Cgil di Pisa. In totale, 169 studenti di 9 classi tutte del quinto anno hanno partecipato a 3 momenti di formazione organizzati in auditorium, per un totale di sedici ore di lezione.

I ragazzi hanno ascoltato i sindacalisti Pasquale Cuomo (Segretario Generale Flc-Cgil Pisa), Francesca Calcagnini (delegata Filcams-Cgil Pisa), Daniela Fabbrini (Segretaria Generale Nidil-Cgil Pisa), Damiana Fiamingo (funzionaria Filcams-Cgil Pisa) e Loris Mainardi (Segretario Generale Filctem-Cgil Pisa).

“In un mondo del lavoro spesso frammentato e complesso – ha detto Tania Benvenuti che ha coordinato l’attività – avere l’opportunità di spiegare ai ragazzi come nascono i loro diritti e come si possono muovere sia nella ricerca che nell’ambito lavorativo, rappresenta per la Cgil di Pisa fonte di grande soddisfazione, ringraziamo il dirigente scolastico e il corpo docenti per l’attenzione che mettono su queste tematiche”.

L’iniziativa è al terzo anno consecutivo e si inserisce in un accordo più vasto fra Cattaneo e Cgil di Pisa, che proprio tre anni fa sottoscrissero un protocollo di intesa finalizzato a garantire agli studenti dell’Istituto percorsi di alternanza scuola lavoro sicuri e di qualità e a completare la formazione sul tema dei diritti dei lavoratori e della conoscenza degli strumenti contrattuali.

“Le argomentazioni trattate – spiega Luisa Marra, docente che ha seguito il percorso – e rivisitate in un ambito più strettamente giuridico andranno ad arricchire la programmazione di Cittadinanza e Costituzione per lo svolgimento della prova orale dell’esame di Stato”. Tra gli argomenti trattati ci sono la storia sindacale, i servizi ai lavoratori, le norme legislative di base, come si sviluppa un contratto di lavoro e come si compila un curriculum vitae. A seconda del percorso di studi (turismo, chimici, amministrazione e relazioni internazionali), sono stati trattati i diversi contratti collettivi. Le lezioni sono terminate nel corso di questa settimana con la consegna, ai ragazzi partecipanti, dei relativi attestati di frequenza.

“Questo momento di formazione – per il dirigente scolastico Alessandro Frosini – conclude il percorso dei nostri studenti per l’alternanza e ne rappresenta un tassello fondamentale: non si può fare esperienza del mondo del lavoro e della produzione se non lo si guarda anche dal punto di vista dei lavoratori dipendenti e dei loro diritti. Per questo, siamo stati i primi in Toscana a realizzare un accordo con l’organizzazione sindacale che ha ormai creato, crediamo, una vera e propria buona pratica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.