Guardia medica, l’orario non cambia. Ausl e sindacati si incontrano a febbraio

I progetti di nuove Case della Salute "sono in fase di attuazione"

“All’ordine del giorno del prossimo incontro con le parti sindacali previsto per il 5 febbraio sarà discusso il regolamento del servizio di continuità assistenziale con l’attuale articolazione oraria“. Lo annuncia l’Ausl Toscana centro assicurando che il servizio di continuità assistenziale (ex guardia medica) proseguirà con le consuete modalità e cioè in orario notturno fino alle 8 la mattina e anche diurno nei festivi e prefestivi.

L’Accordo siglato con le organizzazioni sindacali della Medicina generale da parte della Ausl Toscana centro nel dicembre scorso non prevede infatti alcun cambiamento nell’orario del servizio.

Riguardo all’organizzazione della continuità assistenziale in modalità h16, precisa l’azienda, “tale possibilità prevista dall’Accordo regionale del 2012 ma non ancora recepita a livello nazionale, non potrebbe mai essere attivata senza l’approvazione preventiva a livello regionale e senza essere concordata e condivisa con le istituzioni interessate e con tutte le parti sindacali”.

Riguardo alle Case della Salute, infine, l’Azienda “ribadisce gli impegni e gli investimenti assunti sia per quanto finora realizzato sia per i progetti di nuove Case della Salute in fase di attuazione, già a partire dal 2020”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.