A Fucecchio riprendono i lavori stradali interrotti dal Coronavirus foto

Dal capoluogo alle frazioni, i cantieri che si stanno muovendo

Certo è stata una brusca interruzione, ma sono ripresi a Fucecchio molti dei lavori stradali sospesi con l’arrivo dell’epidemia da Coronavirus. Sulle strade cittadine sono tornati camion, ruspe e macchine asfaltatrici. Gli interventi che sono già ripartiti sono quelli che riguardano il completamento della pista ciclabile che dalla località di Botteghe arriva fino alla rotatoria dei barchini su viale Colombo, direzione Ponte a Cappiano. Le aziende al lavoro sono impegnate nell’inserimento della segnaletica orizzontale e verticale.

Passando a un’altra zona del capoluogo, sono ripresi i lavori anche nell’area compresa tra via Tea, via Trento e via Pacchi. Qui le ditte stanno procedendo con la scarifica del vecchio asfalto e la posa del nuovo manto sulla carreggiata che completerà il rifacimento dei tre tratti viari affiancando i nuovi marciapiedi.

“Si tratta di interventi consentiti dalla normativa – spiega il sindaco Alessio Spinelli – in quanto le ditte impegnate nei lavori sono comprese nella lista dei codici Ateco che consentono l’attività lavorativa. Alle aziende abbiamo fatto modificare i piani operativi di sicurezza (POS) implementandoli con le prescrizioni che ogni lavoratore deve adottare sia nei metodi comportamentali che nei dispositivi di protezione individuali”.

Altri lavori interesseranno in seguito anche altre zone. Per la realizzazione della nuova rotatoria tra via dei Cerchi e via Fucecchiello sta arrivando alla conclusione la gara di appalto. I tempi purtroppo si sono allungati a causa delle normative ministeriali emanate a seguito dell’emergenza sanitaria. Nella frazione di San Pierino, invece, la regione Toscana provvederà alla stesura di asfalto speciale, fonoassorbente, su via Sanminiatese per tutto il tratto interno all’abitato, dal vecchio ponte sull’Arno fino alla rotatoria all’intersezione con la nuova circonvallazione. “E sempre per quanto riguarda San Pierino – aggiunge il sindaco – si stanno portando avanti le procedure amministrative per dare avvio ai lavori per la messa in sicurezza della Sr 436 attraverso l’allargamento della sede stradale fino a San Miniato Basso e la contestuale realizzazione di una pista ciclo-pedonale che faciliterà il percorso fino alla stazione ferroviaria”.

I lavori stradali non saranno gli unici interventi a riprendere. Dalla prossima settimana ripartiranno anche gli interventi del Comune per la manutenzione del verde pubblico. “Si riparte anche con questi lavori – annuncia il sindaco – e vogliamo farlo rapidamente. Bisogna evitare situazioni di insalubrità e scarsa igiene che potrebbero essere causate dalla eccessiva crescita di erbe infestanti e dal conseguente incremento di roditori e altri animali. Fino a oggi abbiamo cercato di gestire al meglio la fase dell’emergenza, adesso dovremo gestire al meglio il graduale rientro alla normalità. La nostra linea è perfettamente in sintonia con quella della regione Toscana che sta incontrando in questi giorni le parti sociali per concordare tutte le misure precauzionali per ripartire. Il governo deve mettere in atto tutte le procedure necessarie a ridare avvio al settore produttivo. Questo virus ci affiancherà fino al momento in cui non troveremo un vaccino. Non appena ognuno avrà messo in atto tutte le misure preventive e cautelative per ripartire, occorrerà farlo rapidamente per sostenere le attività produttive e commerciali. Il governo deve impiegare tutte le proprie energie per rimettere in moto il paese nella massima sicurezza possibile e con controlli e sanzioni pesanti per chi non rispetta le normative. Dovremo cambiare il nostro modo di affrontare la vita e le relazioni sociali”

“Ci stiamo rialzando – conclude Spinelli – e lo stiamo facendo con tutte le attenzioni del caso. Chi non rispetta le regole deve essere sanzionato pesantemente, anche con risvolti penali, perché mette a rischio le condizioni di salute proprie e delle altre persone. Non possiamo allungare i tempi della ripartenza per colpa di qualche cittadino poco attento al rispetto delle normative. Questo deve essere chiaro a tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.