Bar e ristoranti apparecchiano in strada: prove di Ztl a San Miniato

"Un'area pedonale sufficiente a garantire un primo importante rilancio delle attività"

A partire da domani venerdì 22 maggio e poi anche sabato 23, il centro storico di San Miniato sarà parzialmente chiuso al traffico, in modo da creare una zona pedonale per far occupare suolo pubblico alle attività del centro storico, messe a dura prova dall’emergenza coronavirus.

L’amministrazione comunale, di concerto con le associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti, il Ccn di San Miniato, le attività di somministrazione cibi e bevande e quelle commerciali, ha creato un progetto che potrà prendere il via già da questa settimana.

“Chiuderemo – spiega la vicesindaco Elisa Montanelli – via IV novembre, via Conti, piazza del Popolo e via Ser Ridolfo creando una Ztl ‘leggera’ perché non comprende tutte le strade solitamente chiuse al traffico, ma sarà sufficiente a garantire un primo importante rilancio delle attività del centro storico per le quali, a causa della dislocazione degli spazi, poter occupare suolo pubblico diventa praticamente impossibile con il traffico. Si tratta di un progetto sperimentale che vedrà la chiusura alle auto dalle 19,30 alle 24 e che permetterà alle nostre attività cittadine di poter allestire negli spazi all’aperto”.

Questa concessione è sempre vincolata dal decreto governativo che vieta l’organizzazione di spettacoli, musica o manifestazioni all’aperto e che richiede il rispetto della distanza interpersonale. “Vogliamo permettere – spiega il sindaco di San Miniato Simone Giglioli – anche agli esercenti del centro storico di poter usufruire degli spazi all’aperto che permettono un maggior distanziamento sociale e vogliamo farlo nel rispetto di tutte le regole. La polizia municipale sarà in giro per le strade del centro per controllare che non vi siano assembramenti o comportamenti non consoni.

Da parte nostra come Amministrazione abbiamo accolto la richiesta delle associazioni di categoria e dei nostri esercenti e abbiamo studiato un piano che partirà in via sperimentale e concediamo questi spazi in forma completamente gratuita, augurandoci che queste iniziative possano essere il primo passo verso un importante ritorno alla normalità che consentirà al nostro centro storico di avere nuovamente la presenza cittadini e turisti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.