Piccoli gruppi e distanziati, i campi estivi a Santa Croce si faranno

Con un investimento da 130mila euro per ragazzi e ragazze dai 3 ai 15 anni

I centri estivi 2020 a Santa Croce sull’Arno si faranno. La giunta ha approvato un piano che prevede 270 posti per bambini e bambine, ragazze e ragazzi, dai 3 ai 15 anni, tutto ciò sarà possibile a fronte di un potenziamento delle risorse storicamente utilizzate per questo servizio. I centri estivi 2020 costeranno infatti all’Amministrazione comunale circa 132.500 euro, a fronte di un’entrata prevista di circa 30mila euro derivante dal contributo delle famiglie.

Il periodo in cui si svolgeranno i centri estivi comprende giugno, luglio e settembre. L’organizzazione delle attività, ovviamente, sarà adattata alle regole di prevenzione da Covid-19 così come stabilito dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio. Si prevedono gruppi di 5, 7 o 10 bambini a seconda dell’età, ingressi scaglionati e una gestione degli spazi orientata al distanziamento tra gruppi.

Le sedi dei Centri estivi saranno: per giugno e luglio, dai 6 agli 11 anni la scuola Copernico e Villa Pacchiani, dai 3 ai 6 anni le scuole Poggio Fiorito e Albero Azzurro. Per il mese di luglio, per i ragazzi dai 12 ai 15 anni, il Centro Giovani e il parco Aldo Moro. Per settembre, invece, le sedi saranno Villa Pacchiani e Ciaf Maricò. Le sedi dei Centri Estivi non potranno essere scelte, saranno comunicate in base al numero di iscrizioni ricevute con l’obiettivo di ripartire le presenze in maniera più diffusa possibile in base a quanto stabilito dalle direttive.

“Essere riusciti ad arrivare all’approvazione di un piano che ci permetta di realizzare a pieno i centri estivi anche per il 2020 – così il sindaco di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda – non è soltanto il segnale di una ripartenza vera per tutto il nostro territorio. È anche il risultato di un impegno a favore dei progetti educativi che viene da lontano. Per anni abbiamo investito convintamente risorse pubbliche per i centri estivi e abbiamo continuato a gestirne l’organizzazione e la gestione con i nostri uffici comunali, avvalendoci di educatori professionisti. Per questo oggi la macchina organizzativa è pronta e le famiglie di Santa Croce sull’Arno potranno contare su un servizio di qualità, che finalmente restituirà anche ai più piccoli il piacere della socialità, in sicurezza. Questo è stato possibile grazie all’investimento in termini economici che abbiamo deciso di mettere in campo immediatamente, appena sono state chiare le linee guida operative. Per garantire il numero storico di posti a disposizione delle famiglie e non aumentare le tariffe abbiamo investito oltre 50mila euro in più, una scelta che abbiamo fatto senza nessuna esitazione perché sappiamo bene il valore che ha in questo momento erogare servizi a favore dell’infanzia e dell’adolescenza. Colgo anche l’occasione anche per ringraziare la regione Toscana che per i centri estivi ci ha erogato un contributo di 9mila 500 euro e che in queste settimane si è mossa in maniera fattiva attraverso l’operato dell’assessore Cristina Grieco. La fase più libera di questa fase due è iniziata, ma per i bambini e le bambine ancora non sono arrivate le libertà di cui avrebbero bisogno. Da metà giugno, finalmente, avranno anche loro la possibilità di tornare gradualmente alla normalità. E sono convinta che anche questi centri estivi, al pari dei servizi erogati gli scorsi anni, saranno una bella occasione per imparare qualcosa di nuovo e di straordinario”.

Le iscrizioni saranno ricevute esclusivamente online da mercoledì 27 maggio fino a mercoledì 03 giugno alle 13.
Costi, dettagli e informazioni su iscrizioni e pagamenti sono disponibili sul sito del Comune di Santa Croce sull’Arno, www.comune.santacroce.pi.it. È possibile contattare telefonicamente l’ufficio scuola ai numeri 0571.389975 e 0571.389929

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.