Quantcast

Massarella, Spinelli “sgrida” Poste: “Ufficio aperto solo 5 ore a settimana”

E scrive al Prefetto: "Assembramenti pericolosi sotto al sole"

“Vedere anziani in lunga attesa sotto il sole per ritirare la propria pensione non è una situazione da Paese civile”. Lo sfogo è del sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli, che lamenta l’orario ridotto di apertura dell’ufficio postale di Massarella: 5 ore e 25 minuti alla settimana, il giovedì.

In situazioni normali, racconta il sindaco, “si creano code allo sportello, il giorno di ritiro delle pensioni e le attese diventano insostenibili, con gravi disagi per le persone anziane costrette a lunghe code. Oltretutto in un periodo nel quale tutte le persone e gli anziani in particolar modo, dovrebbero evitare assembramenti”.

Anche per questo, Poste ha attivato una collaborazione con i carabinieri per la consegna a casa della pensione (qui i dettagli).

Per Spinelli, però, “Poste Italiane deve rendersi conto che non si può tollerare che un ufficio postale possa aprire soltanto un giorno alla settimana e per di più soltanto per mezza giornata. Ho chiesto in tutti i modi che fosse rivisto l’orario settimanale, come è stato fatto per altri uffici che si trovano sul nostro territorio. In altre frazioni rimangono aperti tre giorni, non è il massimo ma consente ai cittadini di poter effettuare le loro operazioni in condizioni accettabili.

A Massarella questo non avviene, nonostante le mie ripetute richieste. Oggi, oltre a scrivere nuovamente ai dirigenti di Poste Italiane, ho scritto anche al Prefetto di Firenze Laura Lega, perché non si tratta soltanto di un disservizio ma anche di una situazione che ha a che fare anche con la salute pubblica visto che si possono creare pericolosi assembramenti fuori dall’ufficio postale. Quando si fanno certe scelte e mi riferisco alla riduzione degli orari di apertura degli uffici postali, non si può non tenere conto del territorio su cui si opera.

Massarella e le frazioni limitrofe che utilizzano quell’ufficio postale, sono abitate da una popolazione che in media è piuttosto anziana e non sono collegate ai centri da una rete di mezzi pubblici che permetta di spostarsi con facilità. Queste variabili vanno tenute in considerazione, altrimenti non si svolge più un servizio pubblico ma si opera per un puro calcolo economico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.