Saltano l’Agosto orentanese e la festa del bignè, Ficini: “Difficile gestire il distanziamento”

Rimandata anche la sagra della pizza per venire incontro ai ristoratori

Ci sono voluti molti incontri, sopralluoghi tecnici, valutazioni, ripensamenti, ma alla fine il verdetto è arrivato: l’Ente Carnevale dei Bambini Pro Loco di Orentano APS ha deciso di annullare l’Agosto orentanese 2020 e la festa del Bignè che quest’anno avrebbe festeggiato la sua 52esima edizione.

L’intenzione iniziale, con il supporto del comune di Castelfranco di Sotto, era quella di organizzare almeno tre serate di intrattenimento musicale: una versione ridotta della tradizionale manifestazione estiva. Purtroppo però le limitazioni imposte dalle misure di sicurezza per il contenimento del virus Covid-19 non permettono una facile gestione organizzativa.

“La situazione attuale – ha commentato il presidente dell’Ente Carnevale, Maurizio Ficini – non ci consente di organizzare l’Agosto Orentanese con la consueta serenità. Non siamo in grado di garantire il distanziamento sociale in un’area ampia e difficile da delimitare come il centro di Orentano. Dobbiamo quindi rimandare la manifestazione al prossimo anno. È stata una decisione molto difficile, che abbiamo preso a malincuore, ma lo abbiamo fatto nell’interesse di tutti. È bello festeggiare insieme, ma è altrettanto giusto salvaguardare la salute dei tanti collaboratori che ogni anno partecipano all’organizzazione e delle centinaia di persone che frequentano la Festa del Bignè e le manifestazioni dell’Agosto Orentanese”.

L’Ente Carnevale conferma inoltre l’annullamento della sagra della pizza di Orentano, deciso per venire incontro alle difficoltà vissute dai ristoratori, che nei mesi di lockdown non hanno potuto lavorare. Una scelta che dimostra vicinanza al territorio e grande responsabilità. Il prossimo evento sul quale l’associazione convoglia tutte le sue risorse ed energie è il Carnevale dei bambini di Orentano 2021.

“La Festa del Bignè non ci sarà nemmeno a settembre di quest’anno – precisa Ficini -. Abbiamo cercato fino all’ultimo di trovare una soluzione, ma alla fine la decisione presa è quella di rimandare l’Agosto Orentanese all’estate 2021. Senza la sagra della pizza di quest’anno le nostre risorse economiche subiranno un forte calo, dobbiamo quindi sostenere le spese organizzative in economia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.