“Valore creato e ritorno sul territorio”, Santa Maria a Monte racconta il 2019 di Farmavaldera

La società a totale partecipazione pubblica gestisce le farmacie comunali di Le Melorie, Santo Pietro Belvedere e Ponticelli

“Una partecipazione attiva che va al di là delle quote, che si trasforma nell’apporto sia in termini di valore creato che di ritorno sul territorio“. Per questo il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella si dice soddisfatta della partecipazione in Farmavaldera.

“La farmacia comunale di Ponticelli – spiega – è ormai un punto di riferimento non solo per i residenti ma anche per tante persone di passaggio che la scelgono per l’accessibilità, l’ampio orario di apertura, la professionalità del personale farmacista, i servizi aggiuntivi come il Cup. La società, oltre a rendere un servizio farmaceutico di qualità, contribuisce a migliorare i servizi di welfare su territorio, come i prelievi del sabato mattina nel nuovo distretto socio sanitario. E’ inoltre partner dell’amministrazione comunale in diversi progetti che hanno come focus l’ambiente e la prevenzione del benessere psico fisico”.

Farmavaldera è una società a totale partecipazione pubblica che gestisce le farmacie comunali di Le Melorie a Ponsacco, Santo Pietro Belvedere a Capannoli e Ponticelli a Santa Maria a Monte. Nell’esercizio 2019 ha realizzato ricavi complessivi per 8.987.010 euro (8.507.193 del 2018) con un incremento di fatturato pari a 479.817 euro (+ 5,64 %).

“Crescono tutti i punti vendita – spiega il presidente del CdA Simone Chiaverini – dimostrando di avere ancora capacità di attrattiva verso un ampio bacino di utenza, grazie all’ampio orario di apertura, l’elevato numero di servizi aggiuntivi, le politiche di prezzo, l’assortimento e la disponibilità del nostro personale a farsi carico delle problematiche dei cittadini”.

Il risultato lordo di esercizio, al netto dei costi sostenuti per la gestione dei diversi servizi sociali e i contributi erogati sopra dettagliati, degli ammortamenti per gli investimenti sostenuti e degli interessi finanziari è di 701.554 euro. Tolte le imposte di competenza dell’esercizio 2019 il risultato netto è di 471.108. L’assemblea dei soci ha deliberato la distribuzione di 300mila euro di utili, risorse che andranno a alimentare i bilanci comunali incrementando i budget in ambito sociale, “Una vera e propria forma di restituzione ai cittadini dei ricavi maturati dalla gestione delle tre farmacie comunali”.

Per meglio rendicontare a cittadini e amministrazioni comunali i risultati della gestione, la società presenta, per il secondo anno consecutivo, il bilancio sociale che dà conto del valore aggiunto creato e degli impatti economici che l’azienda produce, in primis l’occupazione di 33 lavoratori (di cui 30 a tempo indeterminato). Inoltre la società ha finanziato nel corso del 2019 iniziative e progetti sui territori dei 3 comuni per complessivi 105.411 euro.

Arriva soddisfatto il commento della sindaco di Ponsacco Francesca Brogi: “Farmavaldera è un fiore all’occhiello del nostro territorio e la partecipazione del Comune di Ponsacco come socio di maggioranza costituisce un valore importante per tutta la comunità. La farmacia de Le Melorie offre un servizio non soltanto ai cittadini residenti, ma anche alle centinaia di persone che quotidianamente vi si rivolgono, in virtù della sua posizione strategica, dell’estensione dell’orario di apertura e dell’ampia offerta di prodotti e prestazioni che la rendono una delle farmacie più grandi ed efficienti di tutta la Toscana.

Grazie a Farmavaldera il nostro Comune è riuscito in questi anni a portare avanti iniziative di carattere sociale, ambientale e culturale di grande importanza. Sia attraverso la redistribuzione degli utili, interamente impiegati negli ambiti socio-sanitari, sia attraverso la diretta gestione di progetti da parte di Farmavaldera, Ponsacco ha potuto contare su un supporto imprescindibile per lo sviluppo del tessuto associativo e cittadino locale. Il nuovo bilancio sociale lo conferma: siamo di fronte ad un’eccellenza di cui essere orgogliosi”.

Arianna Cecchini, sindaca di Capannoli, ricorda il percorso nato quarant’anni fa. “Farmavaldera è, oggi, il risultato di quell’azienda municipalizzata nata negli anni ’80 a Santo Pietro Belvedere per volontà dell’allora amministrazione comunale di Capannoli: la finalità fu quella di istituire una farmacia nella frazione del Comune non pensando che quella scelta avrebbe potuto significare, dopo quarant’anni, la presenza nel territorio provinciale di una realtà aziendale consolidata che oggi gestisce tre farmacie e garantisce servizi sociali a tre Comuni, oltre ad assicurare occupazione a oltre trenta unità di personale. Questa scelta ha fatto sì che la necessità di un paese di poco più di mille anime, a quel tempo, si sia trasformata in una strategia imprenditoriale lungimirante di cui il Comune di Capannoli si pregia, dando risposte ai cittadini in termini di qualità e di molteplicità dei servizi offerti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.