Una ciclovia tra Lucca e Pontedera, firmato il protocollo d’intesa

Passi avanti per il progetto di trasformare l'ex linea ferroviaria in una greenway

Due Provincie quella lucchese e quella pisana collegate da un progetto condiviso per rilanciare e rafforzare lo sviluppo turistico e culturale dei propri territori attraverso un importante progetto di riconversione del tracciato della ex ferrovia Lucca- Pontedera come Greenway per incentivare l’uso di percorsi alternativi di mobilità dolce a servizio dei cittadini e dei turisti.

Progetto per la cui realizzazione i comuni di Lucca, Capannori, Bientina, Buti, Vicopisano, Calcinaia e Pontedera questa mattina (4 settembre) hanno sottoscritto un protocollo d’intesa nel corso di un incontro svoltosi nella sede del Comune di Bientina. Presenti all’incontro l’assessore Giordano Del Chiaro (Comune di Capannori), l’assessore Gabriele Bove (Comune di Lucca), il sindaco di Bientina Dario Carmassi con l’assessore Desirè Niccoli, i sindaci di Buti Alessio Lari e di Calcinaia Cristiano Alderigi con l’assessore Beatrice Ferrucci, l’assessore Mattia Belli (Comune di Pontedera), il sindaco di Vicopisano Matteo Ferrucci con l’assessore Fabiola Franchi.

Obiettivo generale del progetto della ciclovia turistica Lucca Pontedera è quello di dar vita ad una promozione di questa importante area toscana che sia eco-sostenibile e che metta in diretta connessione imprese locali, mondo agricolo, tradizioni eno gastronomiche e sopratutto le magnifiche Aree Protette Regionali a forte valenza ambientale. Fulcro del progetto è la creazione di un sistema di ciclovie turistiche e percorsi per il trekking, che intercetta anche il percorso della ex ferrovia Lucca-Pontedera, inserito nel contesto nazionale, che promuova una mobilità dolce e alternativa, quale ulteriore elemento di sviluppo e di valorizzazione di questo territorio e che abbia come punto di forza anche l’interconnessione con altre modalità di trasporto.

“Con la creazione di questo nuovo sistema di mobilità dolce che intercetta anche il tracciato della ex ferrovia Lucca-Pontedera vogliamo dar vita sia ad uno sviluppo turistico delle zone interne, meno conosciute, sia delle aree di maggiore interesse storico-culturale di questa importante area toscana, attraverso la valorizzazione delle identità e delle eccellenze dei territori – affermano l’assessore alla mobilità del comune di Capannori, Giordano Del Chiaro e l’assessore alla mobilità e ai Patti di confine del Comune di Lucca, Gabriele Bove – . Elementi attorno ai quali intendiamo creare nuove strategie di crescita sostenibile che valorizzino le peculiarità caratterizzanti il tessuto dei differenti territori e siano in grado di innescare processi di miglioramento economico generando opportunità di crescita diffusa e durevole nel tempo, in armonia con il paesaggio e l’ambiente”.

La linea ferroviaria Lucca – Pontedera fu realizzata nel 1919, distrutta dai bombardamenti nel 1944 e poi abbandonata. Il tracciato della ferrovia, lungo circa 25 chilometri , parte dal Comune di Lucca, arriva fino al Comune di Pontedera e rappresenta una cerniera di collegamento tra i Comuni di Lucca e di Capannori (passando lungo l’acquedotto monumentale del Nottolini) e Pisa (passando da Bientina e Buti attraverso l’Oasi del Bottaccio, L’Oasi di Tanali e lo splendido lago della Gherardesca) dove sviluppare azioni di mobilità dolce (trekking, bici, etc) ed un punto di intersezione importante con gli altri comuni facenti parte del comprensorio del Monte Pisano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.