Le Terre di Pisa a Discover Italy per la ripartenza foto

Undici imprese accompagnate dalla Camera di Commercio di Pisa

Il quadro che emerge dai dati del sistema informativo Excelsior parla chiaro: quello del turismo è un comparto che ha sofferto molto gli effetti della perdita del volume di affari per la chiusura delle attività ed è stato penalizzato, inoltre, dal protrarsi delle limitazioni nei flussi di turisti esteri. Il 70 per cento delle imprese pisane del settore ritiene infatti di poter tornare a livelli di attività adeguati non prima del primo semestre 2021.

Tuttavia, Pisa e le sue terre non si sono arrese e con l’aiuto della Camera di Commercio di Pisa hanno deciso di ripartire cogliendo la prima occasione disponibile: quella di partecipare al primo evento B2B (business to business) a carattere nazionale, dedicato all’offerta turistica italiana, post lockdown. Undici imprese del settore turistico aderenti al marchio territoriale Terre di Pisa, hanno partecipato a Discover Italy: l’evento dedicato esclusivamente a tour operator stranieri, che si è svolto il 16 settembre a Sestri Levante nella suggestiva cornice dell’ex convento dell’Annunziata.

Nel rispetto di tutte le regole di sicurezza per il contenimento della diffusione di Covid 19 le singole aziende hanno avuto l’opportunità di realizzare di persona colloqui con buyer provenienti da Norvegia, Danimarca, Gran Bretagna, Germania, Francia, Ucraina, Spagna, Stati Uniti, Belgio, Slovacchia, Brasile, Ungheria e Olanda mentre hanno raggiunto in modalità virtuale quelli provenienti da Israele, Austria, Ungheria, Stati Uniti, Canada, Russia, Turchia e Ucraina. Quasi 200 gli appuntamenti BtoB svolti dalle imprese nella sola giornata di mercoledì 16 settembre: un’occasione davvero unica per gettare le basi per la tanto auspicata ripresa.

L’evento è stato anche l’occasione per distribuire la nuova release della Mappa delle Terre di Pisa: una cartina, in scala 1: 100.000 a colori, sulla quale sono indicate 152 diverse attrazioni (la strada del vino e la strada dell’olio, i monumenti, le chiese, i musei, i palazzi, le ville, le rocche, le aree archeologiche, i parchi e le riserve naturali). È stato possibile anche presentare a 20 operatori stranieri la destinazione turistica Terre di Pisa con una postazione appositamente presidiata dal personale della Camera di Commercio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.