Peccioli, chiuso un doppio intervento di Acque da 750mila euro foto

Nuovo acquedotto e fognatura più moderna

Si sono chiusi a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro due importanti interventi di Acque SpA nel comune di Peccioli, entrambi utili al miglioramento del servizio idrico integrato: il primo ha portato alla sostituzione di un significativo tratto di acquedotto in via dei Cappuccini, il secondo allo spostamento e all’ammodernamento della fognatura in viale Risorgimento. In totale, i due distinti progetti hanno comportato un investimento di circa 760mila euro.

L’intervento in via dei Cappuccini era cominciato alla fine del 2019, e ha interessato il tratto di rete idrica compreso tra le due strade provinciali, la Sp 41 e la Sp 64, per un totale di 1,7 chilometri di nuove condotte collegate all’acquedotto locale, con la conseguente dismissione delle tubazioni precedentemente in funzione. La nuova infrastruttura garantirà da ora in poi una drastica riduzione dei guasti e quindi degli inconvenienti per utenti della zona. Non solo: la nuova tubazione è realizzata in ghisa – un materiale più resistente rispetto a quelle di “vecchia generazione” – e ha un diametro maggiore della precedente (150mm). L’intervento (530mila euro di investimento) garantisce quindi un consistente potenziamento del servizio. Nelle prossime settimane sarà garantita la riasfaltatura dei tratti interessati dai lavori.

Ma il servizio idrico ha anche un “secondo tempo”: nel campo della fognatura e depurazione è fondamentale assicurare i necessari investimenti, per mettere in sicurezza il sistema e garantire benefici ambientali. Da qui il lavoro in viale Risorgimento (valore di 230mila euro) dove in passato i reflui della parte sud-est del capoluogo venivano convogliati, mediante un sistema a gravità, in un collettore di acque miste, che scorreva al di sotto delle abitazioni per collegarsi poi all’impianto di depurazione. L’intervento si è reso indispensabile per consentire la corretta gestione e manutenzione del collettore, cosa che risultava piuttosto difficoltosa proprio a causa del posizionamento dell’infrastruttura. Da qui, la progettazione di un lavoro che ha visto la posa in opera di circa 360 metri di nuove condotte, con lo spostamento della fognatura dalla proprietà privata delle varie abitazioni alla strada di proprietà comunale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.