Attentato a Nizza, il Movimento Shalom: “Il volto dell’Islam non è violento”

“È un conflitto tra due detestabili ideologie: terrorismo e laicismo che emargina il sentimento religioso”

“Il terrorismo islamico attacca la Francia e minaccia l’Europa. Le farneticazioni di Erdogan non meritano risposta, ma gli attentati vanno letti alla luce di una cultura laicista esasperata che di fatto emargina il sentimento religioso”. Così il Movimento Shalom dopo l’attentato terroristico a Nizza, in Francia, in cui sono morte tre persone.

“Non è una guerra di religione – proseguono dal Movimento – perché il volto dell’Islam non è violento e i sinceri musulmani che conosciamo adorano un Dio misericordioso. La Francia non è una nazione cristiana, ma laicista. Offendere la sensibilità religiosa è possibile in nome di questa ideologia. Non è una guerra di religione, ma un aspro e sanguinoso conflitto pieno di risentimenti fra due detestabili ideologie. Terrorismo e laicismo, ben diverso dalla proclamata laicità.

Dobbiamo operare perché i valori spirituali che sono prioritari per gli esseri umani, siano tenuti in debita considerazione a meno che non contrastino con il bene comune. Dobbiamo rafforzare le alleanze con tutti quei musulmani e sono i più, moderati e costruttori di pace. Chiediamo a loro di fare corpo contro la deriva fondamentalista. Noi Shalom possiamo dichiararci come efficace laboratorio di fraterna e operosa convivenza nei paesi del mondo dove siamo presenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.