Quantcast

Per un’altra Santa Croce: “Uno spazio pubblico intitolato a Norma Cossetto”

La proposta di Rusconi: “L’amministrazione prenda posizione”

Già un anno fa, durante il consiglio comunale del 30 dicembre 2019, i consiglieri della lista Per un’altra Santa Croce, espressione dei partiti di centrodestra a Santa Croce sull’Arno, chiesero l’intitolazione di una strada o di uno spazio pubblico alla figura di Norma Cossetto o ai Martiri delle Foibe.

A quasi un anno da quella seduta il consigliere Marco Rusconi torna sulla vicenda, ricostruendo i passaggi e ribadendo il significato simbolico della richiesta. “Durante il consiglio comunale del 30 dicembre 2019 – ha detto Rusconi – il nostro gruppo consiliare chiese, attraverso una mozione, l’intitolazione di una via o di una piazza a Norma Cossetto, medaglia d’oro al valor civile ed emblema di tutte le vittime delle foibe e, a seguito della nostra proposta, il sindaco dichiarò, sempre nello stesso consesso, di voler sospendere la mozione per ‘poter approfondire questo tema’ coinvolgendo il Tavolo della Memoria. Nei giorni immediatamente successivi, la mozione in questione fu riproposta ed illustrata al Tavolo della Memoria da una nostra delegazione. Da allora la nostra proposta sembra non aver avuto seguito.”

Rusconi ritorna poi nel merito della proposta: “Norma Cossetto – ha spiegato il consigliere – non è solo una vittima dell’odio antitaliano che nel 1943-1945 sfociò nell’orrore delle foibe e nella vergogna dei campi di concentramento comunisti, dove trovarono la morte migliaia di nostri connazionali. Norma è molto di più, incarna il sacrificio di tantissime donne che ancora oggi sono oggetto di violenza, discriminazione e sopraffazione.  Per questo motivo, nella nostra città si ritiene debba esistere un luogo intitolato alla memoria di questa giovane eroina, esempio per la comunità. Una città, la nostra, che si è dimostrata aperta negli anni passati all’intitolazione di strade e spazi pubblici a personaggi d’oltremare, talvolta lontani dalla nostra storia, talvolta, mi permetto di dire, perfino discutibili, non può trascurare una vicenda che ha colpito al cuore il nostro paese. Dall’inizio degli anni 2000 moltissimi comuni italiani, governati da differenti schieramenti politici, hanno intitolato luoghi importanti delle città a Norma Cossetto o ai Martiri delle Foibe. Non capiamo sinceramente perché il nostro comune debba restare fuori da questo elenco”.

 

“Abbiamo riproposto questo ordine del giorno – ha concluso Rusconi – e lo discuteremo in consiglio il 12 novembre. Riteniamo, infatti, possa concludersi qui la fase di riflessione, oltremodo lunga, richiesta da questa maggioranza su queste vicende, tristemente note all’opinione pubblica e, a distanza di un anno dalla presentazione della prima mozione, è doverosa da parte di questa amministrazione una presa di posizione chiara in merito alla nostra richiesta. Il comune di Santa Croce sull’Arno si dovrebbe impegnare in prima linea nel tener vivo il ricordo di questa ragazza e di ciò che ella rappresenta. Su certi argomenti bisogna prendere posizione, non si può restare nella terra di nessuno.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.