Due studenti di San Miniato nel progetto da record sulla piattaforma Kickstarter

L'idea del nuovo gioco Airships ha già raccolto in crowdfunding pià del doppio della cifra inizialmente richiesta

Due giovani di San Miniato, entrambi studenti dei corsi di formazione dell’agenzia Formatica di Pisa, figurano all’interno del team di Airships, il gioco ideato da Max Pinucci e tratto dal suo omonimo libro che sta ottenendo un riscontro altissimo nell’ambito della piattaforma di crowdfunding Kickstarter.

Manuela Coticone Lorenzo Ninci crowdfunding kickstarter San Miniato

Il progetto, infatti, che puntava a un finanziamento di 32mila euro, ha raggiunto in pochissimi giorni il proprio traguardo fino a superare i 75mila, lanciando dunque l’idea verso una sua stampa e diffusione a livello mondiale, principalmente nel mondo dei giochi da tavolo e del collezionismo. I due studenti tra i protagonisti di questo successo sono Lorenzo Ninci, 25 anni, residente nella frazione della Serra e attualmente iscritto al corso Game per game designer di Formatica, e Manuela Coticone, 36 anni, romana di origine ma sanminiatese di adozione,  che sta seguendo il progetto Pro.Wed dedicato al settore del marketing, a cui era arrivata tramite il Centro per l’impiego di Santa Croce sull’Arno.

Ninci e Coticone si sono conosciuti e insieme sono entrati in questo team portando all’interno le competenze maturate anche nell’ambito dei rispettivi corsi: Lorenzo si è occupato dello sviluppo del gioco da tavolo, dei regolamenti e dei play test, Manuela di individuare i target di utenze, degli studi di settore e del rapporto con la piattaforma di crowdfunding. Il progetto nasce dal lavoro che Pinucci, designer e grande esperto di aviazione, ha condotto con un team di esperti mondiali in modo da costruire una vera e propria mappatura storica, meccanica, geografica e meteorologica sul mondo dell’aviazione con i dirigibili, speciamente per quanto concerne la “conquista del Polo Nord”, riunito in un libro pubblicato nel 2015.

Entrambi gli studenti hanno saputo mettere a frutto i consigli ricevuti nell’ambito dei rispettivi corsi, in particolar modo di un docente comune che è Fabio Viola, uno dei massimi esperti internazionali del settore del gaming e della gamification.

“Con Viola ci piacerebbe sviluppare il progetto Airships in un futuro – spiega Lorenzo Ninci – spostandolo in digitale. Una volta finito il gioco in scatola vorremmo farlo diventare un videogioco in quanto si presta molto bene nella sua struttura». «Curando questo progetto di crowdfunding – sono le parole Manuela Coticone – ho potuto iniziare a capire cos’è il vero mondo del project management. Tutto quanto appreso in questa esperienza so che mi potrà servire anche in futuro e lavorare in un mondo dove gli aggiornamenti sono continui. È molto stimolante poter curare dei progetti in tutta la loro evoluzione, senza fermarsi mai”.

“Siamo orgogliosi di quanto fatto da questi due nostri studenti – commenta Marco Guastini, amministratore di Formatica Scarl di Pisa – che hanno avuto subito l’occasione di mettere in pratica le competenze acquisite, per lo più in un progetto di interesse internazionale capace di raccogliere, già adesso, oltre il doppio della cifra richiesta per essere avviato”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.