La Fondazione di Andrea Bocelli dona 15 flussimetri al San Giuseppe di Empoli

Andranno alla medicina interna Covid

Sono già stati consegnati i 15 flussimetri ai setting di medicina interna Covid dell’ospedale San Giuseppe di Empoli. Questa strumentazione, donata grazie al gesto di generosità di Andrea Bocelli Foundation (ABF), è necessaria per collegare l’impianto di ossigeno ai dispositivi utilizzati per la ventilazione, non invasiva, per pazienti Covid e rappresenta uno dei trattamenti fondamentali nella cura.

“Ringrazio sentitamente la Fondazione – ha affermato Roberto Tarquini, direttore medicina I ospedale San Giuseppe – che ha donato questa strumentazione per il trattamento di pazienti Covid anche a nome di tutto il personale sanitario che lavora nei due reparti Covid, coordinati da me e dal dottor Luca Masotti. Questa donazione ha permesso di trattare ancora più appropriatamente i nostri pazienti e sarà sicuramente una risorsa fondamentale anche per il futuro.”

“Durante l’emergenza Covid-19 – ha detto il direttore generale di ABF Laura Biancalani – ci siamo chiesti come poter essere utili con aiuti concreti che raggiungessero in particolare le comunità in cui operiamo e in cui ABF cerca di testimoniare la propria vicinanza e la Toscana è sicuramente uno di questi. Con questo principio abbiamo cercato di metterci al servizio donando, oltre i dispositivi di protezione individuale, quegli elementi che confidiamo rimarranno nel tempo e di cui tutto il territorio potrà usufruire.”

Durante questo periodo di emergenza, la Fondazione ha voluto offrire il proprio contributo anche in altri presidi ospedalieri dell’Ausl Toscana Centro, donando nel mese di marzo mascherine FFP2 e altri dispositivi indispensabili per i reparti Covid all’ospedale San Giovanni di Dio e in questi giorni ha consegnato anche un ventilatore pressometrico sempre allo stesso presidio di Firenze.

Andrea Bocelli Foundation (ABF) si è attivata in ambito di emergenza covid19 da subito per essere al fianco di chi ha cura della nostra salute donando a tanti ospedali e scuole oltre 52mila 600 dispositivi di protezione individuale, ventilatori polmonari, una tac di ultima generazione, e ancora 30 letti per la realizzazione di un reparto covid19.

La Fondazione sta ancora continuando ad operare su questo fronte. Altri strumenti sono già stati acquistati e verranno donati nei prossimi giorni come i concentratori di ossigeno tra Marche e Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.