A scuola, felici: le iniziative del liceo Marconi per prevenire il disagio psicologico

“In un periodo così complesso, carico di preoccupazioni e incertezze, di paure e angosce, il ruolo della scuola come punto di riferimento di una comunità è più che mai fondamentale e imprescindibile”. Per questo, il liceo Marconi di San Miniato ha organizzato delle iniziative mirate a prevenire il disagio psicologico di tutte le persone coinvolte nelle sue attività: studenti, in primo luogo, ma anche famiglie, docenti, personale Ata.

Nel trentennale del servizio del Centro di informazione e consulenza, che è sempre stato attivo nel liceo sanminiatese fin dalla legge che lo istituì nel 1990, la referente Gabriella Boldrini, ha curato l’organizzazione di un incontro, in modalità digitale, per tutti i genitori interessati, in particolare quelli degli studenti del primo biennio. A condurre e guidare il confronto è stata invitata Sara Costanzo, insegnante, pedagogista e counselor, curatrice della ricerca Fare Anima in Educazione, professionista che collabora con la Cattedra di Filosofia dell’Educazione dell’Università di Milano Bicocca.

L’incontro, dal titolo “Abitare lo sguardo: prendersi cura della relazione con i nostri figli dentro questo tempo di pandemia” ha visto la partecipazione attiva di tanti genitori, che hanno molto apprezzato questa occasione di dialogo e riflessione sulle difficoltà dell’essere genitori oggi. Il successo di questa iniziativa dimostra quanto sia sentito il bisogno di condivisione dei dubbi e dei delicati problemi che accompagnano questo momento storico, la necessità di attivarsi per superare insieme le difficoltà, acquisendo una maggiore consapevolezza riguardo alla complessità delle relazioni.

In quest’ottica, il dirigente scolastico Gennaro Della Marca, per potenziare il servizio offerto dal Centro di Ascolto, ha pubblicato un bando (con scadenza 12 dicembre) per il reperimento di un esperto per l’affidamento del servizio di consulenza psicologica, di attività di monitoraggio prevenzione del disagio scolastico, di percorso di sostegno psicologico per il supporto a studenti e personale della scuola, per rispondere a traumi e disagi derivanti dall’emergenza covid 19, per l’anno scolastico in corso.

“In questi mesi – spiega il dirigente – così lontani dalla quotidianità alla quale tutti eravamo abituati, la scuola deve svolgere il proprio ruolo formativo con un’attenzione particolare e con un impegno che sia all’altezza delle difficoltà che stiamo vivendo tutti, soprattutto i ragazzi, che sono nel pieno di una fase dell’esistenza complessa. Il servizio oggetto del bando, previsto per il periodo intercorrente da dicembre 2020 al 30 giugno 2021, non deve configurarsi come un percorso psicoterapeutico, ma teso ad individuare le problematiche psicologiche irrisolte negli studenti e quelle relazionali inerenti al rapporto tra le diverse figure oggetto del servizio, a prevenire i conflitti e i disagi tipici dell’età preadolescenziale e adolescenziale, a migliorare le capacità degli alunni di comprendere se stessi, gli altri e di comportarsi in maniera consapevole. Analoga funzione e supporto devono essere garantiti a tutto il personale dell’istituto scolastico.
Sarà richiesta piena collaborazione tra il personale scolastico e l’esperto designato, nell’ambito delle specifiche responsabilità”.

Il Dirigente, i docenti e tutto il personale della scuola sono pronti a fare squadra, convinti come non mai che “nessuno si salva da solo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.