Retiambiente, ok al patto parasociale con i Comuni. Eletto il nuovo cda

Verso la piena operatività il nuovo gestore unico dei rifiuti delle province di Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara

Retiambiente Spa, gestore del settore dei rifiuti delle province di Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara ha deliberato in assemblea dei soci lo scorso venerdì (18 dicembre) l’approvazione del patto parasociale, attraverso il quale i Comuni eserciteranno il controllo analogo della società ed ha insediato i nuovi organi societari.

Il nuovo consiglio di amministrazione, eletto con oltre il 74% dell’intero capitale sociale, è composto da Daniele Fortini presidente (confermato), Giuseppe Maurizio Gatti vicepresidente (confermato), Giulia Palagini (avvocato di Pisa), Alessandra Rusciano (commercialista di Livorno) e Andrea Nesi (ingegnere della Versilia) nel ruolo di consiglieri.

Al cda uscente ed in particolare ai consiglieri Matteo Trumpy, Fabrizio Miracolo e Clorinda Martinengo, è andato il ringraziamento dell’assemblea “per l’importante lavoro svolto nell’accompagnare la società verso la configurazione di gestore unico di ambito, conseguita nelle ultime settimane, dopo anni di impegno”.

L’assemblea ha anche provveduto al rinnovo del collegio sindacale che risulta composto dal professor Gianluca Risaliti, dalla dottoressa Sonia Cappetta e dal dottor Alberto Lang. Al collegio sindacale uscente, al suo presidente Juri Scardigli e alle colleghe Daniela Venturini ed Eleonora Bartolomei è stato indirizzato il ringraziamento dell’assemblea “per il compito adempiuto negli anni di gestazione nel divenire, la Società, finalmente operativa”.

L’assemblea, adempiendo agli obblighi statutari ha anche insediato il comitato unitario per il controllo analogo sulla società che provvederà a coadiuvare l’assemblea nelle funzioni di indirizzo e controllo della capogruppo mentre ciascuna società operativa locale riceverà indirizzi e controllo analogo da comitati ristretti, composti dai Comuni che ne ricevono i servizi ambientali.

Del comitato unitario faranno parte, all’esordio del patto parasociale, 25 Comuni, i 6 più popolosi e che maggiormente concorrono alla produzione dei rifiuti ed al fatturato della Società, 8 Comuni intermedi e 11 piccoli Comuni. I Comuni che faranno parte dei comitati ristretti, uno per ciascuna società operativa locale conferita, saranno 30 mentre le società non ancora conferite e contrattualizzate con Retiambiente nella fase transitoria, avranno il controllo analogo dell’ente proprietario armonizzato con il comitato unitario.

In tale contesto l’assemblea ha anche approvato il conferimento della società Base srl di Bagni di Lucca ed autorizzato il nuovo cda a procedere nella costituzione della nuova società operativa locale per la prestazione dei servizi ambientali ai 14 Comuni della Lunigiana. Generale apprezzamento è stato quindi rivolto per la larghissima maggioranza dei soci “che ha prodotto, sia nella sede dell’Autorità di ambito Toscana Costa e sia in Retiambiente, i risultati attesi da quasi un decennio e finalmente raggiunti con una forte coesione tra i soci”.

L’assemblea ha formulato l’auspicio che “il fitto calendario di scadenze, che attendono la società già dai prossimi giorni, possa essere realizzato con la stessa unità e determinazione finora manifestata e rafforzando la relazione tra soci ed organi amministrativi”. È in tal senso che l’assemblea ha indicato, per una nomina che dovrà effettuare il cda, il dottor Raffaele Magaldi quale presidente dell’organismo di vigilanza della società.

In ultimo, l’assemblea, unanime, ha tributato un commosso pensiero alla figura di Gianluca Bertini, assessore al Comune di San Miniato, vittima del Covid 19, recentemente scomparso e “che, per anni, è stato uno dei maggiori sostenitori del progetto di Retiambiente ora realizzato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.