Tenta il suicidio sul ponte delle Bocchette, salvato dai poliziotti

Era senza lavoro e si trovava in difficoltà economiche a causa Covid

Ad avvertire gli agenti della questura di Pisa è stato un automobilista in transito sul ponte delle Bocchette a Pisa intorno alle 22 di ieri, 28 dicembre. Subito una volante che stava pattugliando la vicina zona industriale di Ospedaletto si è precipitata sul posto e gli agenti hanno fatto appena in tempo ad afferrare l’uomo che aveva già scavalcato il guard-rail.

Così hanno evitato che il 41enne, abbattuto e disorientato, si tuffasse nell’Arno ed è stato richiesto l’intervento di un’autolettiga che lo ha accompagnato al pronto soccorso per le cure del caso. La sala operativa ha avvertito la moglie che si è subito precipitata in ospedale ed è stata sentita dai poliziotti.

Agli agenti la donna avrebbe detto che negli ultimi tempi il marito si era intristito perché senza lavoro e temeva per il futuro suo e della famiglia, anche a causa delle complicanze indotte dal Covid.

Sempre ieri, anche se in un’altra attività, una pattuglia della squadra mobile della questura in servizio con un’auto civetta nella zona del lungarno Guadalongo per prevenire la commissione di reati contro il patrimonio ha sottoposto a controllo alcune persone sospette. Mentre tre soggetti erano in regola, un quarto individuo, vecchia conoscenza dei poliziotti, un 57enne con precedenti per reati contro il patrimonio, è risultato avere a carico una nota di rintraccio. I poliziotti lo hanno così accompagnato in ufficio, approfondendo la nota di ricerca e appurando che la Corte d’ Appello di Firenze, a seguito di un cumulo di pene definitive per alcuni furti commessi su Pisa e provincia negli anni scorsi, lo aveva condannato a circa 6 anni di reclusione. Dopo il rituale fotosegnalamento, l’uomo è stato accompagnato al vicino carcere Don Bosco per l’espiazione della condanna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.