Geotermia, Pieroni: “Subito il decreto del governo per gli incentivi”

Passata la mozione in consiglio regionale: “Serve a far ripartire gli investimenti”

“Il ritardo sul decreto Fer2 contenente gli incentivi per la geotermia, unito alla vicina scadenza delle concessioni in essere, fissata al 2024, sta determinando un quadro di incertezza dannoso per gli investimenti nel settore ed è pertanto necessario accelerare i tempi: il governo e il ministero dello sviluppo economico si adoperino per una rapida approvazione”, così il consigliere regionale del Partito democratico Andrea Pieroni che ha sottoscritto ed emendato la mozione che chiede alla giunta regionale di sollecitare il ministero affinché si arrivi all’approvazione del Fer2, ancora una volta posticipata.

“L’energia geotermica è determinante per l’economia locale della Val di Cecina e una risorsa rinnovabile che aiuta a diminuire l’impatto energetico – prosegue il consigliere –, muovendo un indotto con decine di aziende e circa duemila addetti, oltre a un giro di investimenti pari a 150 milioni all’anno, mentre ammontano a 30 milioni le royalties che ricadono su territorio. Inoltre, la regione Toscana ha definito le Aree non idonee (Ani) in accordo con i comuni geotermici, un esempio di proficua intesa con i territori”.

“Una recente indagine di Arpat – ha detto ancora Pieroni – dimostra che nelle centrali geotermiche toscane le irregolarità sono allo zero percento, il che vuol dire che il 100 percento degli impianti controllati presenta valori inferiori ai limiti per le emissioni di sostanze inquinanti (acido solfidrico, mercurio e anidride solforosa o biossido di azoto), dimostrando come la geotermia sia un’energia sicura, pulita e rinnovabile, che ad oggi copre il 30 percento del fabbisogno elettrico regionale, fornendo calore utile a riscaldare oltre 10mila utenze in Toscana”.

La mozione in consiglio è passata a maggioranza ieri (12 gennaio), con il solo voto contrario del Movimento 5 Stelle. “Quella dei 5 Stelle è una posizione pregiudiziale, probabilmente alla base del rallentamento del percorso a livello nazionale”, ha concluso Pieroni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.