Vertice sull’asporto a Pontedera, Confcommercio: “Ha prevalso il buon senso”

“Sono ben altri i luoghi di contagio”

Fumata bianca per il vertice sull’asporto a Pontedera, alla presenza del sindaco Franconi, del vicesindaco Puccinelli, del comandante Campani e di alcuni dirigenti del comune: “Abbiamo messo nero su bianco quanto già avevamo raccomandato alle nostre aziende associate nei giorni precedenti, ovvero che l’asporto di bevande, caffè, gelato e simili può essere legittimamente venduto al cliente, purché sia consegnato in recipienti chiusi e idonei da un punto di vista igienico sanitario e nel rispetto delle norme dell’asporto”, spiegano Mickey Condelli e Alessio Giovarruscio, rispettivamente presidente e responsabile sindacale di Confcommercio Pontedera.

“Ha prevalso il buonsenso e la ragionevolezza – hanno detto da Confcommercio -, in un contesto estremamente drammatico per la categorie dei pubblici esercizi, ingiustamente presi di mira come i fautori del contagio, quando in realtà nella stragrande maggioranza hanno investito molti soldi in sicurezza e rispettano i protocolli con puntualità e attenzione massima. Non ci stancheremo mai di ripeterlo che sono ben altre e totalmente differenti le situazioni che alimentano i contagi, di cui la categoria degli imprenditori non può in alcun modo dimostrabile, essere ritenuta responsabile.

Rimarchiamo la disponibilità da parte dell’amministrazione comunale a individuare una soluzione intanto comprensibile e chiara nella sua formulazione, che garantisce da un lato la sicurezza pubblica e dall’altro la necessità di lavoro degli stessi imprenditori. Gli imprenditori che rispettano le regole rappresentano un presidio di sicurezza per tutti, e proprio le esigenze e gli interessi di queste imprese abbiamo l’orgoglio e il piacere di rappresentare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.