Quantcast

Assotir, mancano autisti: trovato l’accordo con la Regione per la formazione a costi contenuti

Decisivo l’incontro con Nardini. Progetti per giovani, disoccupati e inattivi: sbocchi lavorativi immediati

È stato individuato un progetto di formazione finanziata destinato ai giovani, ai disoccupati ed agli inattivi per conseguire patenti e carta di qualificazione del conducente (CQC) a costi contenuti con la possibilità così, per queste categorie, di trovare, una volta conseguiti i titoli, immediati sbocchi lavorativi all’interno delle imprese di trasporto merci toscane. In modo tale da creare lavoro e sopperire alla mancanza di personale qualificato che le aziende del trasporto merci fanno fatica a trovare.

Questo l’esito dell’incontro tra Assotir, l’assessore regionale Alessandra Nardini e il Gruppo Valiani, con cui Assotir ha intrapreso una proficua collaborazione. Hanno partecipato per il Gruppo Valiani Alessandro Valiani e Manola Guazzini per Assotir il responsabile sviluppo e infrastrutture, Alessandro Manzi e il segretario generale, Claudio Donati, mentre Nardini era coadiuvata dal dirigente della formazione, Paolo Baldi.

Durante la riunione, il segretario Donati ha evidenziato come la carenza di autisti qualificati, fenomeno questo che interessa l’intero Paese (si stima infatti che manchino tra i 15mila ed i 20mila autisti), sia una problematica particolarmente sentita dalle imprese di autotrasporto toscane divenuta ancora più grave proprio durante i mesi del primo lockdown nazionale in cui, per alcuni settori di attività, gli autotrasportatori a causa della mancanza di personale qualificato facevano difficoltà a soddisfare la domanda sempre più crescente dei propri clienti.

Come illustrato durante l’incontro, le ragioni che hanno portato a una penuria così importate di queste figure professionali sono molteplici e certamente tra le tante spiegazioni rientra la difficoltà dei giovani a sostenere i costi (elevati) per il conseguimento dei titoli professionali necessari per guidare mezzi pesanti.

A questo punto la palla passa ad Assotir che si è impegnata a promuovere il progetto formativo nelle proprie imprese associate, e interessate ad assumere giovani conducenti, avvalendosi del sostegno, della disponibilità e della competenza messe in campo dall’assessore Nardini e dal suo intero staff di collaboratori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.