Quantcast

Il Covid non ferma la donazione di sangue: nell’Ausl Toscana centro aumentano nel 2020

Il direttore: "Una sorpresa anche per noi"

Il Covid19 non ha fermato le donazioni di sangue. Nel 2020, anno delle pandemia, sono incrementate le raccolte nell’Azienda USL Toscana centro. A darne notizia è Isio Masini, direttore del dipartimento di laboratorio e di immunoematologia e trasfusionale (a Empoli e Firenze) che ringrazia in particolare le associazioni che, come sempre, si sono adoperate e attivare per incentivare le raccolte in tutti i territori dell’Azienda USL Toscana centro (Empoli, Firenze, Pistoia e Prato). Confrontando i dati del 2019 con il 2020 si registra, infatti, un segno “più” per tutti gli emocomponenti con le seguenti relative donazioni: sangue intero 47944; plasma 13937; multicomponenti 1393; per un totale di 62. 434 donazioni complessive pari a 880 in più rispetto all’anno precedente e in termini percentuale pari a più 1,4%.

“E’ stata una sorpresa anche per noi – ha commentato Masini- perché nonostante le restrizioni imposte dalla normativa sulla pandemia i donatori non si sono tirati indietro e si sono regolarmente recati nei centri per donare e sostenere così numerose terapie, soprattutto quelle svolte in ambito oncologico”.

E’ proseguita anche la donazione del plasma iperimmune da guariti Covid 19: nelle strutture trasfusionali aziendali sono state effettuate 129 donazioni di plasma iperimmune da paziente guarito da Covid19.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.