Quantcast

Le scarpette rosse hanno un nome, la manifestazione di Territorio in comune foto

“Quando si parla di diritti non si parla di cose astratte”

Molte sono oggetto di violenza, alcune, troppe, hanno pagato addirittura con la vita il loro essere donna. Lo ha voluto sottolineare l’associazione Territorio in comune organizzando la manifestazione di ieri 8 marzo in piazza Spalletti a Ponte a Egola.

Decine di donne di tutte le età, nel rispetto del distanziamento che la situazione sanitaria impone, si sono riunite indossando scarpe rosse, ognuna di loro mostrando un cartello con scritto il proprio nome, a conferma che quando si parla dei diritti e dignità delle donne non si parla di cose astratte. Da ciò il significativo titolo dato alla manifestazione “anche le scarpette rosse hanno un nome”. Hanno partecipato al flash mob consiglieri comunali e assessori del comune di San Miniato e la vicesindaco Elisa Montanelli.

Un 8 marzo diverso che ha unito la mimosa e la panchina rossa, che i volontari dell’associazione Territorio in comune hanno voluto fossero anche simbolicamente presenti nella piazza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.