Quantcast

La raccolta differenziata con una app: Alia lancia Junker

Informazioni sui servizi ma non solo: anche quiz e giochi divertenti per imparare

Una app per smartphone Android o Apple che riconosce con un solo click i rifiuti da gettare e fornisce le informazioni corrette sul conferimento secondo la normativa vigente sul territorio. Si chiama Junker ed è il nuovo strumento che Alia Servizi Ambientali SpA, insieme ai comuni delle provincie di Firenze, Pistoia e Prato, e dunque anche dell’Unione dei Comuni del Circondario Empolese Valdelsa, ha messo a disposizione dei cittadini.

“Uno strumento molto utile, all’avanguardia – così Alessandro Giunti sindaco del Comune di Capraia e Limite e delegato all’Ambiente per l’Unione dei Comuni del Circondario Empolese Valdelsa -, che permette non solo di avere informazioni puntuali e dedicate sui servizi offerti da Alia Servizi Ambientali, come la raccolta differenziata, ma che indirizza le nostre azioni sul valore condiviso della sostenibilità, verso una consapevolezza ambientale diffusa delle nostre comunità al fine di tutelare e rispettare il territorio. Non si tratta soltanto di stare al passo con i tempi sfruttando al meglio la tecnologia, si tratta di avere la visione di un futuro eco-sostenibile per le nuove generazioni. Ringraziamo Alia Servizi Ambientali per questa nuova piattaforma di dialogo e invitiamo i cittadini a scaricare l’applicazione perché questo significa avere cura e salvaguardare i nostri territori attraverso una strategia comune e condivisa per migliorare il nostro ambiente”.

“Alia Servizi Ambientali ha da pochi giorni compiuto 4 anni – ha commentato Nicola Ciolini, presidente di Alia Servizi Ambientali SpA -. Un’azienda giovane, che sul territorio dei 58 comuni gestiti si è impegnata fin da subito per attivare sistemi di raccolta dei rifiuti rispondenti alle caratteristiche e necessità dei luoghi con l’obiettivo di valorizzare i rifiuti prodotti quotidianamente ed avviarli a riciclo. In questo contesto è evidente il valore di uno strumento innovativo, che grazie ad un click permette di accedere ad informazioni ed un percorso di educazione e sensibilizzazione nei confronti dei rifiuti e dell’ambiente, fondamentale per la messa in atto vera della sostenibilità e dell’economia circolare”.

Il riconoscimento dei rifiuti da conferire funziona scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio. Junker lo riconosce grazie ad un database interno di oltre 1 milione e mezzo di prodotti e ne indica la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinati. Basti fare l’esempio delle buste di carta con finestra di plastica, oppure delle confezioni di caffè, delle bottiglie in pvc e via discorrendo. Il database degli oggetti ‘in progress’ viene aggiornato quotidianamente anche grazie al contributo degli utenti; se il prodotto scansionato non viene riconosciuto, infatti, l’utente può trasmettere alla app la foto del prodotto e ricevere la risposta in tempo reale, mentre la referenza viene aggiunta a quelle esistenti. Uno strumento collaborativo perfettamente in linea con la filosofia delle smart cities.

Ma Junker, disponibile gratuitamente, consultabile in 10 lingue, è la piattaforma dove gli utenti possono trovare informazioni sul sistema di raccolta e servizio, l’ubicazione degli Ecocentri, delle Ecotappe e degli Ecofurgoni di Alia Servizi Ambientali, localizzazione delle postazioni stradali (interrate comprese), delle campane del vetro, dei punti di conferimento RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), calendari del porta a porta con possibilità di impostare le relative notifiche, indicazioni per ritiro ingombranti e rifiuti speciali, notizie sulla pulizia strade e relativi alert, fruizione della Bacheca del riuso, accesso a sistemi di prenotazione, quiz e divertenti giochi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.