Quantcast

Dopo 50 anni il Cristo deposto torna nella chiesa di Santa Maria delle Vedute

La scultura in legno si presume risalga al Settecento

Dopo 50 anni, nella chiesa di Santa Maria delle Vedute, è tornato il Cristo deposto. In occasione della Pasqua alcuni parrocchiani hanno pensato di esporre questa imponente statua nella cappella del Santissimo per la devozione popolare.

Si tratta di una scultura in legno rifinita con patina di gesso, di eccezionale bellezza e impressionante veridicità, probabilmente di fattura settecentesca. Fino alla fine degli anni ’60 era esposta in una nicchia a destra della cappella del Santissimo nella chiesa di Santa Maria delle Vedute, poi seguendo i consigli del Concilio Vaticano II, la statua è stata spostata al secondo piano della sacrestia dove è rimasta per oltre 50 anni.

Per tanti parrocchiani è stata una gradita sorpresa, un momento in cui ritrovare un amico di cui si erano perse le tracce. Per altri è stata una scoperta di un’opera d’arte di cui non conoscevano l’esistenza ed hanno scoperto così un tesoro artistico del santuario. La suggestione della circostanza e la solennità del triduo pasquale sono state molto intense. Molti fedeli raccolti in preghiera davanti al Santissimo hanno reso omaggio con preghiere e fiori al Cristo deposto e hanno reso questo momento di Pasqua un evento particolare con un arricchimento di spiritualità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.