Quantcast

Schiuma e maleodoranze nel rio che finisce in Arno: controlli Arpat in un’azienda foto

Rilevate “irregolarità sul sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue”

Più informazioni su

I tecnici Arpat del circondario Empolese sono intervenuti dopo la segnalazione di un cittadino: schiuma bianca e cattivo odore dal rio di Vitiana a Empoli. Da lì sono partiti i controlli e le analisi di alcuni campioni di acqua e nello stabilimento di un’azienda che hanno fatto rilevare “irregolarità del sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue dell’azienda di Via Lucchese con superamento del limite autorizzato per il parametro azoto totale”.

L’ispezione è iniziata dalla foce del rio che si immette nel fiume Arno ed è proseguita verso l’azienda di Via Lucchese con prelievo di campioni di acqua del rio e dello scarico produttivo dell’azienda, che sono stati sottoposti ad analisi. Al momento del sopralluogo l’acqua che proveniva dal rio Vitiana e scaricava in Arno formava schiume di colore bianco, mentre l’acqua del tratto lungo Via Valdarno era visibilmente torbida ed emanava un odore caratteristico dolciastro e pungente di sostanza organica.

A monte dell’azienda l’acqua del rio si presentava più limpida e inodore. È stata quindi effettuata un’ispezione all’interno dello stabilimento industriale dove era in atto lo scarico produttivo che recapitava nel rio Vitiana.

“Gli accertamenti e l’esito delle nostre analisi – dicono da Arpat – hanno evidenziato irregolarità sul sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue dell’insediamento produttivo ed il superamento dei limiti autorizzati per il parametro azoto totale; la forte presenza di ammoniaca riscontrata nelle analisi dei reflui produttivi conferma un loro inadeguato trattamento depurativo. Le analisi del campione di acqua del rio Vitiana prelevato a valle dello scarico dell’azienda hanno mostrato un incremento di azoto totale e ammoniacale rispetto ai valori molto più bassi del campione prelevato a monte, evidenziando quindi un peggioramento dello stato delle acque del rio imputabile agli scarichi dell’insediamento. L’esito degli accertamenti è stato riferito agli enti ed autorità competenti e proposta l’adozione dei provvedimenti per la regolarizzazione del sistema di trattamento degli scarichi dell’insediamento produttivo anche al fine di ricondurli entro i limiti autorizzati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.