Quantcast

Personale, due nuovi arrivi per la questura di Pisa foto

In servizio il commissario capo Giovanni D’Allestro e il commissario Elena Tassi

Due nuovi arrivi per la questura di Pisa che rafforza il ruolo funzionari con l’arrivo del commissario capo Giovanni D’Allestro e del commissario Elena Tassi.

D’Allestro, laureato in giurisprudenza, dopo l’incarico di dirigente della sezione Polizia ferroviaria di Pisa, che ha ricoperto dal 2017 con importanti risultati raggiunti in materia di prevenzione generale e contrasto ai principali fenomeni delittuosi in ambito ferroviario, è stato assegnato alla Questura di Pisa con l’incarico di dirigente dell’ufficio immigrazione. 45 anni, originario di Napoli, D’Allestro vanta un’esperienza ventennale nei vari ruoli della polizia di Stato, con particolare riguardo al controllo del territorio e alla cooperazione internazionale di polizia. Sostituisce il vicequestore Sara Incrocci, trasferita dal dipartimento della pubblica sicurezza alla questura di Bolzano, con medesimo incarico di dirigente dell’ufficio immigrazione.

Elena Tassi, 28 anni, laureata in giurisprudenza, fiorentina, è al suo primo incarico nella polizia di Stato. Giunge alla questura di Pisa direttamente dalla scuola superiore della polizia di Stato di Roma, dove ha frequentato e superato il corso di formazione per commissari iniziato il 2019 ed ha conseguito il master di II livello in scienze della sicurezza. Al termine del tirocinio operativo le verrà assegnata dal questore la dirigenza di un ufficio della questura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.