Quantcast

“La donazione serve come il pane”, la campagna dei Fratres San Romano arriva a tavola foto

Migliaia di buste per il pane consegnate agli alimentari della frazione per sensibilizzare i cittadini

Dato che la pandemia impedisce di incontrarsi e di organizzare qualunque tipo di evento, i Fratres di San Romano hanno trovato un modo diverso e decisamente efficacie per portare il proprio messaggio direttamente nelle case dei cittadini. Come? Attraverso il pane, o meglio attraverso le buste di carta con le quali ogni giorno portiamo il pane in tavola. Perché mai come quest’anno ci siamo accorti di quanto la donazione del sangue sia importante, come il pane appunto.

È questo il messaggio impresso su migliaia di buste di carta che i Fratres di San Romano hanno distribuito ieri, 4 maggio, a tutte le panetterie e gastronomie della frazione, aderendo a un’iniziativa promossa a livello regionale dai Fratres della Toscana per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della donazione, aggirando però il blocco degli eventi e delle attività in presenza imposto dalla pandemia.

“L’iniziativa – spiega il presidente dei Fratres di San Romano Roberto Falaschi – è stata pensata fin dall’inizio chiedendo aiuto ad alimentari e panetterie, vale a dire a quelle attività che sarebbero rimaste aperte in ogni caso, a prescindere dal colore della regione”. Circa 700mila le buste per il pane stampate dai Fratres a livello regionale, per ricordare a tutti che “La donazione serve come il pane – recita lo slogan -. Fallo per te e per gli altri. Dona sangue oggi”. A seguire il logo dell’associazione e il numero da chiamare per diventare donatore. “In tutto abbiamo distribuito circa 1800 buste per ciascuno dei quattro negozi di alimentari e panetterie presenti in paese” spiega Falaschi, che ieri pomeriggio ha portato le buste ai negozianti insieme ad altri volontari dell’associazione. Le attività coinvolte sono la panetteria Da Angela, il negozio di alimentari Marco, la gastronomia Campani e l’alimentari Pane amore e fantasia. “In questo modo il messaggio arriverà direttamente sulle tavole dei cittadini – aggiunge il presidente – nella speranza che in molti decidano di chiedere informazioni per diventare nuovi donatori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.