Quantcast

San Miniato diventa arte: allo Spazio dell’Orcio la mostra di Bragadini

Pittura protagonista nella galleria

Lo Spazio dell’Orcio, nato nel ricordo di un importante centro artistico voluto da Luciano Marrucci, il sacerdote poeta che guidò tra il 70 e l’80 un gruppo di artisti, scrittori, uomini di teatro, non solo di San Miniato, dà questa volta ospitalità ad una mostra straordinaria, la personale di Guido Bragadini, un pittore di Cremona, nato nel 1892 e morto nel 1950, che ha con San Miniato un rapporto privilegiato.

A San Miniato è infatti vissuta sua figlia Francesca, più nota come la maestra Tamburini, certo una donna importante nella città di fine 900, dove oltre che insegnante, ha fatto, per tutta la vita, la catechista. Era la moglie di Piero Tamburini, conosciutissimo fattore del Conservatorio di Santa Chiara.

Di suo padre Francesca ha sempre conservato un ricordo discreto, anche se fortissimo, e anche bellissime opere, alle pareti della sua casa sulle colline di San Miniato. Quando è scomparsa ha lasciato questa collezione in mano ai figli, Chiara e Andrea, che adesso la presentano alla città.

Sarà un evento importante che restituisce vita al nostro Spazio dell’Orcio, un luogo rimasto paralizzato dalla recente pandemia. Bragadini era ispirato dai colori della natura, sceglieva il paesaggio da fermare sulla tela, ipnotizzato dalla meraviglia. Le opere che è riuscito a creare sono molto semplici, ma anche straordinarie e soprattutto mai banali. Nascono da una specie di esigenza espressiva, che lo faceva lavorare su qualsiasi supporto, con qualsiasi strumento, anche pezzi di carbone appena tirato via dal fuoco. Il risultato lo si potrà vedere, lascia senza fiato, è assolutamente splendido. Già Pier Giuseppe Leo l’aveva notato, quando nel 1978 ne curò una esposizione antologica nella città di Cremona, e più di recente ne ha scritto con entusiasmo anche Vittorio Sgarbi ed altri critici importanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.