Quantcast

Fabbricato crollato in via Lungomonte, i proprietari non rispettano l’ordinanza: il Comune eseguirà i lavori

Ancora “qualche settimana” prima di riaprire la strada

Ancora “qualche settimana” di chiusura per il tratto di via Lungomonte a Montecalvoli dopo il crollo, nel febbraio scorso, di una porzione di un fabbricato. Si allungano i tempi previsti perché a mettere in sicurezza dovrà essere il comune di Santa Maria a Monte (con rivalsa delle spese) dopo che i proprietari dell’immobile non hanno rispettato l’ordinanza nei tempi previsti.

“Il 10 febbraio – ricostruisce la vicenda il sindaco Ilaria Parrella – il fabbricato di via Lungomonte ha subito un parziale crollo e a seguito dell’intervento della squadra dei vigili del fuoco del comando di Pisa il sindaco ha emesso un’ordinanza per la chiusura al traffico di un tratto di via Lungomonte in considerazione del rischio di caduta di materiale dalla facciata dell’immobile interessato al crollo”.

Dopodiché è arrivata un’altra ordinanza che “ha imposto ai proprietari – come spiega il sindaco – di provvedere da un lato allo sgombero immediato di porzione dell’edificio interessato dai crolli in quanto inagibile e ad installare adeguata segnaletica che indichi l’inagibilità dell’edificio, dall’altro lato, entro e non oltre 10 giorni dal ricevimento, dell’ordinanza, a mettere in sicurezza l’edificio in modo da consentire la riapertura del traffico pedonale e carrabile della via Lungomonte. L’ordinanza non è stata rispettata e conseguentemente, allo scadere dei tempi previsti, il Comune ha intrapreso le azioni necessarie alla risoluzione del problema sostituendosi agli aventi titolo con rivalsa delle spese”.

“L’immobile, infatti, è sotto custodia giudiziaria da parte dell’Istituto Vendite Giudiziarie di Pisa – ha detto Parrella – che ha inviato i propri tecnici per effettuare un sopralluogo il 28 aprile, a seguito dell’autorizzazione da parte del giudice dell’esecuzione. È facilmente intuibile come questa situazione abbia complicato la soluzione del problema e allungato i tempi. Nonostante questo, in considerazione del fatto che la chiusura della strada causa numerosi disagi alla popolazione e alle attività produttive della zona che si vedono impedito il normale passaggio, questa amministrazione si è adoperata prontamente per consentire la riapertura della viabilità il prima possibile. A tale scopo sono stati individuati i tecnici per la redazione per la messa in sicurezza del fabbricato pericolante e ieri la giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo per eseguire i lavori necessari. Sarà quindi possibile entro qualche settimana procedere alla messa in sicurezza del fabbricato e alla conseguente riapertura della strada”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.