Quantcast

Spaccio e abbandono rifiuti, controlli potenziati e congiunti a Castelfranco di Sotto

Il sindaco incontra le forze dell'ordine: preoccupa la situazione alle Cerbaie

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra il sindaco, la Polizia municipale e i carabinieri di Castelfranco di Sotto. Un’occasione di confronto, come avviene periodicamente, che ha lo scopo di pianificare e organizzare attività congiunte sul territorio comunale.

“Per quanto quelle del Comune e quelle dei Carabinieri siano funzioni diverse, è vero anche che la collaborazione e il dialogo sono fondamentale per intervenire su questioni e problematiche del nostro paese – ha spiegato Gabriele Toti– Lo spaccio rappresenta sicuramente una di quelle problematiche sulle quali è necessario un confronto continuo per trovare le soluzioni migliori”.

L’incontro ha toccato vari argomenti, tra cui il tema dello spaccio nella zona delle Cerbaie. Un fenomeno sul quale si pone da tempo particolare attenzione e per il quale sono in corso di valutazione nuove attività di concerto tra le due istituzioni. Già altre volte sono state svolte attività in sinergia con controlli coordinati allo scopo di svolgere un’attività preventiva e di contrasto al traffico di stupefacenti che purtroppo interessa alcune zone individuate in prossimità dei boschi delle Cerbaie.

Tra le proposte avanzate, la possibilità di mettere in piedi alcune modalità operative in modo congiunto: come pattuglie, verifiche e controlli sul posto. L’obiettivo è quello di aumentare il monitoraggio della zona, luogo ormai soggetto ad attività illecite. È stata valutata inoltre la possibilità di effettuare ciclicamente dei servizi di rinforzo appositamente dedicati.

All’incontro erano presenti, oltre al sindaco Toti, il comandante della compagnia di San Miniato, il comandante dei Carabinieri di Castelfranco e il comandante della Polizia municipale di Castelfranco, Giacomo Pellegrini.

Accanto al contrasto in senso stretto stretto, attuato con un’attività preventiva da parte delle forze dell’ordine, è necessario anche perseguire interventi che vanno in altre direzioni. Per questo è stata posta in essere un’attività di pulizia di varie aree dei boschi delle Cerbaie, tra le quali Montefalcone e la via del Macchione, in accordo con personale forestale della Regione Toscana. “L’obiettivo deve essere quello di far utilizzare questa parte del territorio sempre più – ricorda il Sindaco – rendendo più fruibili i nostri boschi anche per passeggiare e svolgere attività sportive. Tutti modi corretti e positivi per vivere questo bel patrimonio verde. Accanto a questo, è stato presentato un progetto di apertura e miglioramento dei percorsi interni ai boschi. In alcuni di questi sono stati rimossi rifiuti abbandonati, anche grazie alla collaborazione di alcuni volontari”.

“Vogliamo continuare a perseguire i nostri obiettivi, sapendo che l’abbandono dei rifiuti è un fenomeno molto ampio e complicato. Ma che non possiamo e vogliamo darla vinta alla inciviltà – ha concluso Toti –  Il decoro del bosco, la sua fruibilità, la sua valorizzazione. Sono tutti elementi che direttamente e indirettamente si muovono nella direzione del contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.