Quantcast

Una borsa di studio per ricordare il maestro Antonio Cino

Un progetto promosso in collaborazione con l'amministrazione comunale e l'istituto comprensivo Montanelli-Petrarca

Sono andate a Matilde Milli e Leonardo Boschi, due studenti della scuola media Montanelli-Petrarca, le borse di studio con cui la famiglia Cino ha voluto omaggiare la memoria del maestro Antonio Cino, insegnante, pittore e poeta fucecchiese.

Un progetto promosso in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’istituto comprensivo Montanelli-Petrarca, alla sua prima edizione ma già pronto a ripetersi nei prossimi anni con la volontà di avvicinare i ragazzi alla cultura ricordando uno dei più grandi maestri fucecchiesi.

Il primo concorso in memoria del maestro Cino è stato dedicato al disegno. Gli studenti hanno presentato i loro lavori ad una giuria, composta dalla famiglia Cino, dall’amministrazione comunale e dai professori di arte, che ha selezionato i due vincitori a cui è andata una borsa di studio di 250 euro ciascuno: Matilde Milli per la sezione esecuzione tecnica e Leonardo Boschi per la sezione capacità creativa.

La premiazione si è tenuta giovedì scorso, 10 giugno, nella sala consiliare, alla presenza di Giosuè Cino, figlio del maestro e promotore dell’iniziativa, della moglie di Antonio Cino, della scuola, rappresentata dalla dirigente scolastica Marinella Pascale e dai professori Annalisa Betella, Angelo Barbaro e Maria Grazia Morini, e dell’amministrazione comunale, con il sindaco Alessio Spinelli, la vicesindaco Emma Donnini, l’assessore alla cultura Daniele Cei e l’assessore all’ambiente Valentina Russoniello.

“Ringraziamo Giosuè e tutta la famiglia Cino per questa bellissima iniziativa – commenta l’assessore alla cultura Daniele Cei a nome dell’amministrazione comunale – che proseguirà almeno per i prossimi cinque anni alternando l’arte pittorica alla letteratura. Un progetto che vuole avvicinare i ragazzi alla cultura e all’arte e che allo stesso tempo vuole motivarli ad esprimere tutto il loro talento, ricordando un uomo che ha lasciato un segno indelebile nella nostra città, dedicando la sua vita all’insegnamento e alla diffusione della cultura, il maestro Antonio Cino”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.