Quantcast

Visite in azienda per formare esperti di marketing del lusso: il Gruppo Lapi sale in cattedra foto

Gli studenti della Mita Academy nelle ditte del Comprensorio per conoscere la filiera della moda

Uno scambio diretto tra le aziende che lavorano nella filiera moda e i ragazzi che stanno costruendo il loro futuro in questo settore. Grazie alla collaborazione tra le aziende del Gruppo Lapi e Mita Academy (del quale il gruppo è diventato socio sostenitore nel 2019) il percorso formativo degli studenti del corso ‘Fa.Ma.– Fashion in marketing by Mita’ si arricchisce di incontri con i manager delle aziende del gruppo toscano attivo da ben 70 anni nel settore della chimica, della conceria, della lavorazione dei pellami e non solo.

Il progetto formativo organizzato da Mita Academy, rivolto a 30 giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni, mira a formare figure tecniche che operano nello studio del prodotto moda, al fine di promuovere il Made in Italy sviluppando una conoscenza approfondita e specifica dei comportamenti del consumatore e del mercato del lusso che muove una parte importante e strategica dell’economia nazionale e mondiale. Il professionista in uscita dal corso sarà detentore di know how afferente tecniche di marketing e di indagine di mercato; avrà capacità di comprendere e di far propri tutti i meccanismi che muovono il management della moda (dal processo produttivo, all’economia circolare).

Il macro obiettivo in cui si colloca anche il progetto è quello della formazione di tecnici esperti del marketing del lusso e delle politiche di mercato ad esso collegate, con idee chiare e reali senza influenze di slogan più o meno di effetto. Il corso si avvale di docenti qualificati provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni, dell’Università e della ricerca. Tra queste figure di riferimento, ci sono anche i direttori e Ceo delle varie aziende facenti capo alla Lapi Group SpA.

“Il ciclo di incontri condotto dalle nostre aziende – ha commentato il presidente di Lapi Group, Roberto Lapi – contribuisce a fornire ai corsisti una vera conoscenza delle peculiarità della lavorazione della pelle. La concia è fra i primi processi di economia circolare al mondo, in quanto nobilitazione di un materiale di recupero dell’industria alimentare. Un processo produttivo che affonda le sue radici nella storia, ma che è tuttora valido grazie ad un’industria attenta alla salvaguardia dell’ambiente, responsabile e impegnata ad apportare continui miglioramenti tecnologici che permettono di mantenerla al passo con i tempi”.

Le aziende coinvolte sono: Toscolapi, specializzata nei prodotti chimici di base, la conceria per cuoio Gi-Elle-Emme, Finikem, azienda di prodotti per la rifinizione dei pellami, Npa Mosè che lavora pelle e pelletteria in processi di customizzazione del pronto moda, Figli di Guido Lapi (azienda capostipite del Gruppo) che si occupa di estratti e tannini per il processo di concia al vegetale, e Fgl International, azienda che promuove nuove strategie per trattare la pelle con prodotti chimici meno impattanti sull’ambiente.

Le lezioni a cura di Lapi Group sono partite lo scorso 15 giugno e termineranno il 9 luglio 2021. Oltre agli incontri di spiegazione teorica, che spazieranno dalle tematiche ambientali (circular economy, certificazione e frontiera green) alle varie tipologie di lavorazione della pelle, fino al rapporto col mercato del lusso (grandi firme moda, trend di mercato, capitolati e controlli qualità), sono in programma visite direttamente nelle varie aziende.

La prima giornata di tour si è svolta mercoledì (23 giugno), nella conceria Gi-Elle-Emme di Ponte a Egola (San Miniato) e nell’azienda chimica Toscolapi a Santa Croce sull’Arno. Il 29 giugno apriranno le proprie porte la Finikem, Npa Mosè, Fgl International e Figli di Guido Lapi.

“L’importanza del confronto diretto con le aziende risulta strategico e fondamentale per i corsisti dei percorsi formativi promossi dalla Fondazione Its Mita – ha dichiarato il direttore Antonella Vitiello -. Il modello didattico, basato sull’acquisizione di competenze attraverso la metodologia del ‘learnig by doing’, trova in questo progetto di interazione tra Lapi Group e Mita una effettiva concretizzazione. Gli studenti del percorso Fa.Ma avranno, attraverso il ciclo di incontri, l’opportunità di approfondire “sul campo” le tematiche affrontate durante le lezioni in aula”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.