Quantcast

Montopoli, inaugurata la mostra di Luigi Marzini foto

L'esposizione curata dall'associazione Arco di Castruccio

Ieri (26 giugno) l’associazione culturale Arco di Castruccio ha inaugurato la mostra di un concittadino montopolese da tutti conosciuto per la sua laboriosità, capacità creativa, amore per le cose belle che ritrae nelle sue opere con grande senso del colore e del paesaggio in cui sa trasfondere stati d’animo ed emozioni che giungono con grande immediatezza alla mente e al cuore di tutti.

Anche in questa occasione l’associazione culturale Arco di Castruccio, da sempre rimasta attiva anche nei difficili momenti che abbiamo vissuto per l’emergenza Covid, ha dimostrato la sua volontà di dare il giusto valore a quelle persone che anche in forma di veri propri autodidatta, hanno saputo esprimere competenza, impegno, volontà e tenacia nel perseguire i propri obiettivi e coltivare con dedizione i propri interessi.

Luigi Marzini appartiene a pieno titolo a quelle tante persone che hanno testimoniato con la loro vita di lavoratori e artisti al tempo stesso, profondità di sentire dedicandosi a un’arte ricca di fascino e di grande suggestione.

Alla cerimonia erano presenti oltre a numerosissimi cittadini montopolesi, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato Antonio Guicciardini Salini, il sindaco di Montopoli Valdarno Giovanni Capecchi, il Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo, il Consigliere Regionale Andrea Pieroni e il professor Ilario Luperini che ha curato la mostra stessa.

Il presidente dell’associazione Marzio Gabbanini ha ringraziato Luigi Marzini per essere stato capace di tenere alto il prestigio della città di Montopoli ricca di storia, ma anche di un ambiente naturale, di scorci paesaggistici che occorre salvaguardare e tradurre in immagini capaci di rimanere nella mente di ciascuno come dimostrano i quadri esposti.

Parole di apprezzamento anche per tutti i consiglieri e i volontari dell’Associazione che hanno contribuito all’allestimento della mostra che rimarrà aperta il sabato e la domenica fino al 25 luglio, dalle 10 alle 19.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.