Quantcast

Scandalo Keu, i primi provvedimenti della Regione: “Risorse economiche e un piano per ciascun sito”

L’assessora Monni: “Sulla sr 429 altre indagini per definire l’intervento migliore”. E nei prossimi giorni il piano “ad hoc” sarà illustrato ai sindaci

Un piano di indagini e interventi ad hoc per ciascun sito dove c’è una possibile presenza di Keu, un potenziamento delle risorse destinate alle agenzie che si occupano di tutela ambientale e di monitoraggio dei pozzi. Sono i primi interventi adottati dalla regione Toscana dopo che il consulente della procura ha confermato la presenza di cromo oltre i limiti di legge sotto il manto stradale della sr 429.

“La Regione è in prima linea sulla vicenda Keu per assicurare il corretto svolgimento delle attività a tutela della salute e dell’ambiente. Serve dire con estrema trasparenza che per ogni sito individuato nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Firenze sono necessarie procedure ad hoc e specifici tempi d’intervento”. A ribadirlo è l’assessora all’ambiente Monia Monni, che preannuncia un piano di interventi e lo stanziamento di risorse aggiuntive, finalizzati alla tutela della salute dei cittadini.

“Sulla Strada provinciale 26 – continua l’assessora elencando i luoghi dove è emersa una presunta presenza di polveri conciarie – sulla Strada regionale 429, sul cantiere ex Vacis a Pisa e sul terreno agricolo ‘i Lecci’ a Peccioli, oltre alle attività d’indagine della Procura, abbiamo predisposto, di concerto con Arpat, un piano di indagini e interventi che saranno funzionali ad assicurare la massima tutela della salute e dell’ambiente. Ad esempio, sulla Sr 429 la presenza di Keu è solo la precondizione per delimitare, con ulteriori analisi che effettueremo con l’agenzia, le aree che dovranno essere oggetto degli opportuni interventi (rimozione, messa in sicurezza o bonifica)”.

Questo giovedì – spiega Monni – sempre insieme ad Arpat, illustrerò tutto il piano ai sindaci. A conferma dell’impegno che la Regione sta mettendo in campo oggi è stata approvata una delibera di giunta che stanzia 72mila euro di risorse regionali aggiuntive a favore dell’agenzia per lo svolgimento delle attività suddette e per la prosecuzione del monitoraggio dei pozzi ad uso domestico. Inoltre, le risorse serviranno a sviluppare un modello idrogeologico a supporto dell’attività di campionamento”.

“Per i siti in località Crespina Lorenzana e Massarosa – conclude l’assessora – è stata imboccata la strada che porterà alla rimozione del Keu, come sta accadendo al ‘Green Park’ a Pontedera e all’Aeroporto militare di Pisa. Discorso a parte, invece, per gli impianti Lerose (Bucine e Pontedera) che hanno imposto di passare dalla revoca delle autorizzazioni e per i quali siamo in attesa che Arpat termini gli accertamenti richiesti dagli uffici regionali”.

“Nonostante la complessità e ampiezza delle attività, la Regione c’è e non posso che rivolgere un ringraziamento agli uffici regionali e ad Arpat per l’importante attività che stiamo mettendo in campo con la massima determinazione. Comprendo l’esigenza espressa dai singoli territori che chiedono velocità, ma quando si tutela la salute e l’ambiente serve essere scrupolosi e accurati al massimo senza lasciare niente al caso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.