Quantcast

Forza Italia: “Si balla ovunque tranne che nelle discoteche, ancora chiuse per decreto”

“Così si favoriscono rave illegali e pericolosi”

È un misto di rabbia, dolore, frustrazione, il grido che arriva dai gestori dei locali da ballo toscani. Un grido che raccolgono Monica Castro, responsabile regionale attività produttive Forza italia Toscana e Giampaolo Giannelli, vicecoordinatore provinciale Forza Italia Firenze.

“La situazione è sotto gli occhi di tutti – dicono Castro e Giannelli -. Si è ripreso a ballare per strada, negli assembramenti spontanei delle piazze, nelle feste private e nei rave party illegali, che condanniamo duramente. Ovunque tranne che nei locali da ballo, ancora chiusi per decreto e senza alcuna prospettiva certa di riapertura. È una condanna al silenzio che colpisce nella sola Toscana 150 imprese, tra discoteche e sale da ballo, e 16mila addetti tra dipendenti fissi, stagionali e indotto. Centomila in tutta Italia”.

“I giovani hanno bisogno di riprendere una vita, nei limiti del possibile, normale – proseguono da Forza Italia -. Hanno bisogno di uscire, svagarsi, ballare. Tutto questo deve esser fatto in piena sicurezza, nel rispetto di regole certe e chiare, di quella sicurezza che solo i locali da ballo e le discoteche ‘ufficiali’, con la loro organizzazione e il protocollo scrupolosamente seguito, sono in grado di assicurare. Il Comitato tecnico scientifico ha espresso parere favorevole alla riapertura dei locali all’aperto con green pass obbligatorio per i clienti. Ma il governo ancora non ha deciso come muoversi; riteniamo sia il momento affinché sia presa una decisione chiara sulla riapertura”.

“Oltre al danno economico per i titolari dei locali, ed i dipendenti – concludono -, il protrarsi della chiusura delle discoteche equivale a mettere a repentaglio anche la sicurezza e la qualità del divertimento notturno, che pure in Toscana ha una grande tradizione, favorendo forme illecite e pericolose come il recente rave tenutosi nei dintorni di Pisa. Appoggiamo quindi le richieste dei titolari dei locali da ballo toscani, auspicando che si arrivi in tempi brevissimi a definirne la riapertura, in piena sicurezza per i frequentatori ed i lavoratori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.