Quantcast

Strage del Duomo, Lega San Miniato: “Ingiustamente calunniano l’allora vescovo Giubbi”

“Da anni attendiamo che nelle commemorazioni sia riabilitato”

In quel tragico 22 luglio morirono 55 civili inermi. È il dato che più di tutti pesa sulla strage del Duomo di San Miniato: morti provocate da una cannonata americana accidentalmente caduta dentro la cattedrale. Una vicenda ricostruita con fatica dagli storici che ha portato all’accertamento delle responsabilità soltanto in un secondo momento: inizialmente si pensava fossero stati i tedeschi. E alcuni fatti, secondo la Lega di San Miniato, meritano ancora la dovuta riflessione: è il caso del ruolo dell’allora vescovo di San Miniato Ugo Giubbi.

“La lapide sulla facciata del Comune – spiegano dalla Lega -, che per tanti anni aveva raccontato una falsa verità e insinuato una perfida connivenza dell’allora vescovo di San Miniato con i presunti autori della strage, venne rimossa alcuni anni fa. Come oramai da venti anni, da quando cioè storicamente è emersa la responsabilità, seppure involontaria, degli obici americani, la commemorazione dell’episodio si incentra giustamente sulla condanna della guerra e le parole dei relatori abbondano di sani principi di giustizia e libertà, ma si tace sulla vile accusa mossa velatamente, ma sostenuta per decenni, al vescovo di San Miniato Ugo Giubbi di essere stato connivente con la volontà tedesca – rivelatasi poi inesistente – di uccidere proditoriamente decine di inermi cittadini. Questa calunnia è stata posta nel dimenticatoio, da anni attendiamo che in occasione della commemorazione della strage del Duomo venga riabilitato esplicitamente colui che fu gravemente e ingiustamente calunniato, ponendo fine ad un ottuso settarismo che per decenni ha pervaso una parte della comunità oltreché divulgatori culturali”.

“Crediamo – continuano i leghisti – sia giusto e denso di significati riportare in proposito il pensiero di un pastore succeduto nell’alto incarico che fu del vescovo Ugo Giubbi. Il vescovo di San Miniato Edoardo Ricci in data 7 giugno 2002, quando la responsabilità americana era oramai acclarata, nella prefazione alla ‘Relazione della commissione di studio sulla figura del Vescovo Ugo Giubbi ebbe a dire ‘E’ purtroppo nota l’orribile calunnia che Mons. Ugo Giubbi Vescovo di San Miniato nel tragico passaggio del fronte di guerra, sia stato perfidamente d’accordo con i dominatori nazisti per lasciar assassinare più di una cinquantina di inermi cittadini ammassati nel Duomo. Simili deliranti accuse possono sorgere ed essere compatite solo in situazioni di terrore parossistico come quello vissuto in città nella fase culminante della guerra, ma subito dopo, a mente serena, devono ricadere nel nulla. E non ha fatto onore alla nostra comunità che invece per tanto tempo la calunnia sia rimasta viva, addirittura credibile per alcuni e persino accreditata e divulgata culturalmente in qualche modo, senza che si sia fatto abbastanza per eliminarla come civilmente indegna’. Ed ancora Ricci ‘Sicuramente nessuno osò accusarlo (Giubbi) ufficialmente e pubblicamente, però non pare che le autorità civili samminiatesi del tempo – ad eccezione della Commissione Giannatasio – lo abbino difeso mai con forza e decisione, anzi le periodiche rievocazioni di quel 22 luglio furono ogni volta occasione di attriti fra autorità civili ed ecclesiastiche proprio per questa ambiguità mai del tutto risolta’”.

“Sono trascorsi venti anni dalla individuazione dei veri responsabili della strage – concludono dalla Lega -, sono trascorsi venti anni dalle amare riflessioni del vescovo Edoardo Ricci, ma parole chiare di rimozione della calunnia e ripensamenti per la grave offesa inflitta al Vescovo Ugo Giubbi stentano a manifestarsi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.