Quantcast

Tre giorni per raccontare la storia di Cuba e della sua rivoluzione: il programma foto

Inizia stasera (23 luglio) la Festa regionale dell’associazione Amicizia Italia-Cuba

Tre giorni per conoscere Cuba e la sua rivoluzione, la sua storia, l’odioso embargo statunitense e la solidarietà con la quale da anni ha impostato la sua politica estera. Questo e molto altro vuole essere la Festa regionale Toscana dell’associazione di Amicizia Italia-Cuba, che si svolgerà questo fine settimana, da oggi a domenica (23, 24 e 25 luglio) nello spazio aperto del circolo Arci Il Botteghino di La Rotta, Pontedera.

Un fine settimana solidale i cui proventi saranno utilizzati per sostenere la battaglia dell’isola al Covid, con l’invio di siringhe per la campagna di vaccinazione che il governo cubano sta approntando anche grazie allo sviluppo, completamente pubblico, dei vaccini “Soberana” ed “Abdala”, che saranno utili anche per le campagne vaccinali in vari paesi del Terzo Mondo.
Una solidarietà – ricordano gli organizzatori – fatta di aiuto internazionalista e di medici spediti in tutto il mondo: Italia compresa, che nel pieno dell’emergenza Covid-19 nel 2020 ha ricevuto la brigata Henry Reeve in Lombardia.

Il programma

Stasera (23 luglio) alle 21 il via con un dibattito sull’attuale situazione a Cuba, per una posizione unitaria contro l’embargo (el bloqueo) e le ingerenze straniere, in favore dell’autodeterminazione del popolo cubano. Parteciperà Yadira Trujillo Pimentel, addetta dell’ambasciata cubana in Italia.

Domani (24 luglio) alle 21,45 proiezione del cortometraggio “Lo Scambio”, autoprodotto da artisti locali. Dalle 22,30 musica con dj Spif – Salto di Palo in Frasca.

A chiudere, domenica alle 21 un incontro dal titolo Dalla periferia cubana a quella italiana, pratiche e progetti per il buon vivere, con Umberto Torti, psicopedagoogista e collaboratore scientifico-sanitario dell’Associazione Italia-Cuba e Carla Romani dell’associazione Cepostopertutti di Pisa. Alle 22,30 musica cubana con il quartetto Cubania y Tradicion e allo scoccare della mezzanotte partono i festeggiamenti per l’assalto al Moncada, che segna l’inizio della rivoluzione cubana.

Per tutta la durata della festa sarà possibile visionare la mostra fotografica di Giuseppe Lo Bartolo “Casa de la Trova. Santiago de Cuba”. Inoltre, tutte le sere, dalle 19,30, c’è la possibilità di cenare nello spazio aperto (gradita la prenotazione al numero 3311327944).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.