Quantcast

Tripletta fucecchiese al secondo round di addestramento al Palio di Asti

Red Riu si conferma una garanzia

Tripletta fucecchiese alla seconda riunione di corse di addestramento al Palio di Asti svoltesi ieri sera (25 luglio) in notturna nella pista esterna al campo sportivo comunale della città piemontese.
Sono stati infatti Adrian Topalli ed i suoi cavalli, tutti di proprietari fucecchiesi,  a mettere il sigillo su tre delle sei batterie corse dal fantino albanese e fucecchiese di adozione.

A centrare la vittoria al termine dei tre giri di pista previsti sono stati Red Riu, diventato ormai una garanzia, Carilborm alla terza vittoria stagionale consecutiva che sembra destinato a diventarne l’erede, e Sultano da Clodia, un autentico concentrato di velocità e potenza. A questi se aggiunge il secondo posto di Spartaco da Clodia ritornato protagonista.

tripletta fucecchiese al palio di asti

Interessante anche la prova del giovane fantino fucecchiese Vincenzo Turco che con il suo mezzo sangue Assalto ha dominato la sesta batteria ma si è dovuto accontentare del secondo posto battuto nel finale dall’esperienza di Giuseppe Zedde.

Il giovane fantino fucecchiese ha comunque dimostrato determinazione e coraggio, doti importanti per chi ha scelto di intraprendere questa professione.
Intanto ad Asti ci si interroga se il Palio 2021 verrà corso  come da programma domenica 5 settembre, e nei giorni a venire arriverà la decisione ufficiale.

Nel frattempo il primo cittadino della città piemontese ha scritto al ministro Speranza per poter andare in deroga a quanto previsto per il numero degli spettatori previsti all’aperto dalla normativa vigente supportato anche dal fatto che la conferenza delle Regioni sta lavorando al fine di permettere, ovviamente con le dovute cautele e prescrizioni e certificati sanitari, l’ingresso per gli eventi all’aperto di natura storico-folcloristica, ad un numero di spettatori superiore  ai mille previsti attualmente.

tripletta fucecchiese al palio di asti

Per la città piemontese ottenere una deroga alla metà o un quarto del numero di spettatori ordinariamente previsti dalla commissione provinciale (quindi 5.000 oppure 2.500 spettatori rispetto ai 10.000 ed oltre) per lo svolgimento della corsa vorrebbe dire un risparmio notevole sulle spese di allestimento delle strutture e creazione della pista.
Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli, il cui Palio in programma domenica 26 settembre sembra correre parallelo a quello di Asti che al momento, aggiungendo anche Feltre, Legnano  e Fermo,  sembrano gli unici che potrebbero essere corsi .

Al riguardo il primo cittadino fucecchiese, che è anche il presidente dell’assemblea del Palio, sembra ottimista; una commissione del pubblico spettacolo sta studiando le varie ipotesi anche per lo svolgimento della tratta ed il tutto confluirà sul tavolo della Prefetto per quella che potrà essere la decisione finale.
Fucecchio a differenza di altri Palii, come ad esempio Asti, non ha strutture per gli spettatori da montare o la pista da  allestire, la location, tra l’altro anche molto spaziosa, è permanente, per cui anche una deroga al 50 per cento di spettatori previsti ordinariamente nel periodo pre-emergenza covid-19 potrebbe compensare le spese.
Considerato inoltre che l’appello alla vaccinazione di questi ultimi giorni del presidente Mario Draghi sta ottenendo un notevole successo, non resta che incrociare le dita per sperare che l’andamento della curva epidemiologica scenda ancora.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.