Quantcast

Vince l’oro al tiro a piattello in Ungheria, doppia medaglia per il sanminiatese Gaetani

Riconoscimento consegnato dall'amministrazione comunale

Doppia medaglia per il sanminiatese Alessandro Gaetani che al campionato mondiale di tiro a piattello disputato in Ungheria, specialità sporting, si è aggiudicato l’oro nella competizione a squadre e il bronzo nell’individuale.
55 anni, originario di Ponte a Egola, Gaetani da dieci anni pratica lo sporting, una delle discipline di tiro al piattello.

“Ho iniziato a tirare molto prima, ma da una decina di anni ho scelto di dedicarmi allo sporting – spiega Gaetani – Quando sono partito per i campionati mondiali a Galgamacsa, in Ungheria, convocato con la Nazionale, ambivo al podio anche se sentivo sulle spalle tutto il peso di questa responsabilità; indossare la maglia azzurra è un onore ed è stato un privilegio poter competere con i migliori tiratori al mondo”. Insieme a Mauro Bosi di Forlì-Cesena e a Giuseppe Pupo di Pistoia si è aggiudicato il posto più alto del podio per team con il totale di 513/600, lasciando dietro gli Usa con 489/600 e la Repubblica Ceca con 488/600. “È stata una soddisfazione grandissima, gli avversari erano forti e la competizione di livello altissimo, ma ce l’abbiamo fatta e siamo stati i più bravi”, commenta Gaetani.

Splendido anche il risultato nella gara individuale dove si è piazzato al terzo posto con 177/200 dietro a George Digweed, oro con 187/200, e Veniero Spada, Ct della squadra azzurra, con 181/200. “È stata una soddisfazione enorme, sono molto soddisfatto della mia prestazione – spiega – Voglio dedicare queste vittorie, così importanti per me, alla mia mamma che non c’è più da diversi anni”.

Il sindaco Simone Giglioli e l’assessore allo sport Loredano Arzilli hanno voluto accoglierlo in Palazzo comunale e consegnargli un riconoscimento per questi straordinari risultati.

“Complimenti ad Alessandro, un orgoglio per tutta la nostra comunità – commentano – Con questi risultati straordinari non solo si conferma un grande campione, ma dà la possibilità di far conoscere al grande pubblico una disciplina affascinante com’è quella del tiro al piattello. Abbiamo voluto consegnargli un riconoscimento da parte dell’amministrazione, un modo per dirgli grazie per le sue imprese straordinarie a nome di tutta la nostra Città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.