Quantcast

Il conservatorio Santa Marta torna a vivere: inaugurato il restauro dell’ala ovest foto

La presidente della Fondazione: “Riqualificazione urbanistica e conservazione di un immobile con vincolo culturale”

È stato inaugurato nei giorni scorsi il restauro dell’ala ovest del Conservatorio Santa Marta a Montopoli in Valdarno: questa parte dello storico edificio verteva da tempo in cattive condizioni e intervenire è stato fin da subito l’obiettivo del consiglio di amministrazione della Fondazione Conservatorio Santa Marta in carica.

Dal 2017 sono state istruite le istanze per le dovute autorizzazioni della Soprintendenza e, contemporaneamente, è stata avviata la ricerca di fondi per affrontare le spese. Dopo gli esiti positivi di alcuni è stato possibile avviare il cantiere che, tuttavia, ha avuto sospensioni a causa della pandemia da Covid.

Il lavoro è stato reso possibile grazie ai contributi del Ministero dei beni culturali, della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e di Crédit Agricole Italia. Il recupero di questa porzione del Conservatorio permetterà, grazie all’eliminazione del pericolo strutturale, di poter finalmente avviare una progettazione reale di utilizzo pieno dell’intero edificio.

“Allo stesso tempo – aggiunge Elisa Barani, presidente Fondazione Conservatorio Santa Marta -, con questo intervento, è stata garantita la conservazione di un immobile con vincolo culturale e realizzata una notevole riqualificazione urbanistica. Il cammino della Fondazione Santa Marta può quindi proseguire e crescere, avviando nuove collaborazioni sul territorio per consolidare il suo essere un importante centro culturale e formativo”.

All’inaugurazione sono intervenuti il vescovo Andrea Migliavacca, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato Antonio Guicciardini Salini, Alberto Pedani per Crédit Agricole Italia e i tecnici dello Studio Benvenuti che hanno curato il recupero.

“La Fondazione Santa Marta – conclude la presidente Barani – ringrazia il Ministero dei beni culturali e la dottoressa Tampieri della Soprintendenza di Pisa, il sindaco di Montopoli, Giovanni Capecchi, con il quale ha già organizzato mostre e iniziative culturali che proseguiranno anche in futuro. Un grazie sincero per la presenza all’inaugurazione anche a don Udoji e monsignor Niccolai della parrocchia dei Santissimi Stefano e Giovanni e a Marzio Gabbanini, presidente dell’Associazione culturale Arco di Castruccio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.