Quantcast

Palio di Fucecchio, iniziati i lavori di adeguamento alla ‘buca’: ospiterà al massimo 2500 spettatori foto

Prime polemiche sull'ipotesi caro-biglietti a 25 euro. Aperte le iscrizioni per partecipare al corteggio storico

Sono iniziati i lavori di adeguamento della buca del palio alle prescrizioni imposte dall’ultimo decreto governativo per l’emergenza coronavirus per quanto concerne i luoghi all’aperto di pubblico spettacolo. Tecnici ed operai del Comune di Fucecchio stanno lavorando sull’area riservata agli spettatori, che il giorno della “corsa dei cavalli” non potranno essere più di 2500, ossia il cinquanta per cento del massimo consentito, anche se lo stesso decreto prevede che in relazione all’andamento della situazione epidemiologica ed alle caratteristiche dei luoghi dove si svolgono gli eventi può essere stabilito un numero diverso massimo numero di spettatori nel rispetto dei principi fissati dal comitato tecnico scientifico.

Al momento a Fucecchio è iniziata la delimitazione dei settori riservati al pubblico per la pre assegnazione dei posti in base alle disposizioni attualmente vigenti. Al riguardo verranno assegnati i bliglietti alle contrade che a sua volta provvederanno a distribuirli a coloro che assisteranno dal vivo alla corsa, mentre i restanti in molte contrade, se non tutte, assisteranno alla corsa in sede seguendola sul maxi schermo con la speranza di poter poi uscire in strada a festeggiare in caso di vittoria o sconfitta della rivale.

Fa però un po discutere il costo del biglietto: si parla infatti, anche se ancora manca l’ufficialità, di 25 euro più 5 euro per assistere alla tratta che si svolgerà, eccezionamenlte per quest’anno, sempre nella buca. In molti lo ritengono un prezzo un po’ esoso rispetto ai 12 o 15 euro degli anni precedenti, per cui non è da escludere che tanti possano seguire l’evento in contrada dove, spendendo la stessa cifra, si potrà vedere la corsa e consumare il pranzo e la cena che sicuramente verranno organizzate nella circostanza. Si parla addirittura, ma si tratta sempre di voci ancora non ufficilizzate, che qualche contrada non sarà presente tra il pubblico in buca, anche se parteciperà alla corsa ed al resto degli eventi. Se ciò si verificasse vi sarebbero più biglietti disponibili per le altre contrade, ma al momento si tratta solo di voci, perchè nel palio si sa, l’unica cosa certa è che… non vi è nulla di certo.

Nel frattempo nelle contrade sono aperte le iscrizioni per i contradaioli che la mattina di domenica 26 settembre vorranno far parte del corteggio storico; un corteggio ridotto sempre per il rispetto della normativa anti Covid a sessanta figuranti per contrada. La sfilata partirà dalla Ferruzza e terminerà in Piazza Moro dopo aver attraversato il centro basso della città.

Per quanto riguarda la pista invece, fiore all’occhiello della città e che è un peccato vedere abbandonata per quasi tutto l’anno, lo scorso giugno è stata risagomata e livellata con nuova sabbia drenante e si presenta in condizioni ottimali per quanto riguarda la sicurezza dei cavalli e dei fantini. I giovedì 9 e 16 settembre sarà aperta a disposizioni per gli allenamenti in vista del palio eccezionalmente quest’anno “settembrino”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.