Quantcast

Lega: “San Romano e zona sportiva Fontevivo nel degrado” foto

Il Carroccio va all'attacco

Zona sportiva Fontevivo e San Romano nel degrado. A sostenerlo è la Lega: “Se è vero che dopo decenni di buio totale, e dopo infinite segnalazioni, sembra che finalmente verranno collocati alcuni lampioni lungo la strada che costeggia il palazzetto dello sport ex Carismi, è altrettanto vero che nel complesso la intera zona continua ad essere allo stato brado”.

“Se ci spostiamo nell’area circostante il vicino campo di atletica, dove peraltro l’atletica non è possibile causa una omologazione mai vista, per tutto il periodo primaverile ed estivo la zona è stata infestata da giganteschi polloni conseguenti al taglio delle grosse piante che costeggiavano l’impianto – taglio peraltro non ben chiaro nei motivi – tanto da formare una specie di disordinata giungla – si sostiene -. Un ottimo biglietto da visita nei confronti di chi in quel periodo ha frequentato l’impianto sportivo. Poi finalmente è arrivato l’ordine di fare un po’ di pulito, che però ha messo in risalto lo stato di abbandono dei punti luce a terra che costeggiano la pista ciclabile che parte da Via Fontevivo e costeggia il campo di atletica. Delle decine e decine punti luce collocati lungo la ciclabile pochissimi sono funzionanti. Oltre alla mancata accensione molti di tali lampioncini sono letteralmente affogati dalla terra e dalla vegetazione secca, conseguenza del taglio dall’erba che, se pur evento raro, negli anni ha accumulato un gran pacciame intorno e dentro i faretti. Lo spettacolo finale è il loro mancato funzionamento e il degrado. Se rivolgiamo l’attenzione su San Romano, estrema propaggine del Comune di San Miniato in tutti i sensi, il risultato non cambia molto. Ci sono gli ormai mitici vecchi lampioni arrugginiti che non funzionano da anni – quelli per intendersi in via Gramsci incrocio via della Porta – in attesa non si sa più di che cosa per essere finalmente rimossi, senza contare lo stato del famoso sottopasso che continua ad essere arricchito di un fondo stradale sgarrupato e da una ringhiera talmente arrugginita e fatiscente che presumibilmente sta in piedi per caso. In località Casotti sulla Toscoromagnola i dispositivi per la segnalazione della velocità e l’indicazione del passaggio pedonale continuano a rimanere costosi strumenti pagati dai cittadini ma non funzionanti”.

“Ci chiediamo se davvero è cosi complicato comprendere che le opere pubbliche una volta realizzate e a San Miniato non ce ne sono in una grande abbondanza e quindi il problema è alquanto limitato – conclude la Lega – hanno necessità di una costante ed adeguata manutenzione secondo l’elementare criterio della diligenza buon padre di famiglia e ci chiediamo anche se queste segnalazioni non debbano rappresentare il primo elementare compito delle Consulte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.