Quantcast

Fucecchio, la tratta strizza l’occhio a Cappiano e sorride a Massarella e Borgonovo foto

Porta Bernarda pesca il jolly. Non hanno esultato per niente Querciola, Sant'Andrea, Samo e Torre

La tratta strizza l’occhio a Cappiano e sorride a Massarella e Borgonovo. Porta Bernarda pesca il jolly. La lunga notta della tratta è iniziata alle 18, quando dall’urna sono state estratte le palline che abbinano i dodici cavalli con le altrettante contrade. E come avviene di solito, è dalle esclamazioni del pubblico presente che si capisce chi è stato baciato dalla fortuna e chi invece se ne torna mesto in stalla con il cavallo toccato in sorte, anche se come detto, il lotto dei prescelti stavolta era di ottima qualità (qui).
Nella originale location della ex buca D’Andrea, difronte ai popoli delle contrade in numero contingentato a causa le restrizioni Covid, ad esultare è il popolo di Cappiano al quale è toccato in sorte Spartaco da Clodia, un cavallo ritenuto da tutti come il cosiddetto “bombolone” ossia un cavallo in grado di vincere ed in effetti il suo palmares è di tutto rispetto e nelle batterie corse a Fucecchio ha sempre dimostrato potenza soprattutto nei finali. Di sicuro un cliente scomodo per la rivale Ferruzza alla quale è toccato Zaminde, una saura di sei anni alla prima esperienza in buca.
Esulta anche Massarella con Farfadet du Pecos che vanta un discreto palmares in ippodromo ed alla seconda esperienza al palio di Fucecchio. Il boato più rumoroso arriva invece dalla Porta Bernarda, la contrada con il simbolo del leone d’oro, pesca nell’urna Red Riu, il cavallo vincitore dell’ultimo palio e del recente palio di Feltre. Un cavallo che non ha bisogno di presentazioni e che era il desiderio di tutte le altre contrade. Adone da Clodia è toccato a Borgonovo, un cavallo dal passo lungo che vanta quasi 70 presenze in ippodromo delle quali 22 da vincitore. Un altro Da Clodia è toccato alla rivale Botteghe, Briccona, di due anni più giovane ed esordiente a Fucecchio.
Un terzo da Clodia, Vanadio, attraversa l’Arno per accasarsi a San Pierino: una cavallo di sei anni che in ippodromo viaggia alla media di una vittoria ogni tre corse e non ha mai corso il palio di Fucecchio.  Porta Raimonda pesca invece Bosea, una baia scura di sei anni tutta da scoprire, ma che nelle batteria odierna si è dimostrata in ottime condizioni. Non hanno esultato per niente Querciola, Sant’Andrea, Samo e Torre alle quali sono stati assegnati rispettivamente Anda e Bola, Albalonga, Zigulith e Tiepolo. Fatta eccezione per quest’ultimo già vincitore del palio di Fucecchio con Sant’Andrea, gli altri tre sono alla prima esperienza a Fucecchio.
A questo punto inizia il valzer delle monte e domani alle prove obbligatorie previste per le 17,30 vedremo quali sono gli orientamenti dei capitani riguardo ai fanti che domenica si daranno battaglia nell’attesa carriera di questo palio di fine estate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.