Quantcast

Il nuovo look di Porta a Catiana alla vigilia del Palio dei Barchini foto

Imminenti gli imponenti lavori di ristrutturazione della Torre campanaria e di Porta a Vigesimo

Oggi 2 ottobre, alla vigilia del Palio dei Barchini con le Ruote, è stato presentato il restyling della Porta a Catiana, uno degli accessi al centro storico di Castelfranco di Sotto, a quello che un tempo era il Castello Franco.

“Un bel momento di festa -per il sindaco Gabriele Toti – e partecipazione per uno dei tasselli di un percorso che sta cambiando il volto del nostro centro storico. Continuano infatti le opere di valorizzazione delle torri storiche di Castelfranco, che tra poco ci vedranno affidare gli imponenti lavori di ristrutturazione della Torre campanaria, nonché Porta a Vigesimo, entro il prossimo 31 dicembre”.

Gli interventi alla Porta a Catiana e del vicino chiasso di via Risorgimento hanno riguardato il rifacimento dell’intonaco dell’arco ad uso pubblico, ormai deturpato e pieno di scritte, nonché la sistemazione di tutti gli allacci dei servizi (luce e telefonia fissa principalmente), lo spostamento di tutta la cartellonistica stradale ed informativa affissa al muro della Torre e nuova imbiancatura delle parti intonacate. A corredo sono state installate nuove illuminazioni che valorizzano la Porta a Catiana. Gli interventi illuminotecnici sono stati apportati anche alla Porta Caprugnana e a sette chiassi del centro.

Spazi ad oggi poco utilizzati, nelle sole ore diurne, come semplici scorciatoie tra le arterie principali del centro, poiché poco illuminati e comunque motivo di disagio in quanto, talvolta, utilizzati come “deposito” di rifiuti urbani e ingombranti. L’intervento di potenziamento dell’impianto di illuminazione pubblica con tecnologia a led rende più sicuri e funzionali questi passaggi e ne permette una maggiore sorveglianza.

L’intervento è stato possibile grazie ad un contributo regionale concesso dopo aver aderito al bando della Regione Toscana per la realizzazione di progetti di investimento finalizzati alla qualificazione e valorizzazione dei luoghi del commercio e alla rigenerazione degli spazi urbani, dell’importo di 29.819,84 euro a fronte di un investimento ammissibile totale di 39.818,74. L’impegno a carico del Comune è stato quindi di circa 10mila euro.

“Siamo davvero contenti di questi interventi di riqualificazione – ha detto Tiziano Salvadori, presidente della contrada San Martino -. La porta rappresenta la storicità della nostra Contrada, è un simbolo identitario tangibile dentro al paese. Ringraziamo l’amministrazione comunale che si è impegnata per riportare la porta al suo antico splendore. Spero che questo possa essere un segno di rinascita dopo il periodo di pandemia, perché tutti noi ne abbiamo bisogno”.

“Vedere il nostro centro storico – per l’assessore al centro storico Federico Grossi – più bello e illuminato è già un ottimo segnale del cambiamento in atto. Stiamo portando avanti il nostro Progetto Torri per valorizzare l’identità e la storia della nostra Castelfranco e i risultati sono gli occhi di tutti. Vogliamo parlare coi fatti, quindi non vediamo l’ora di partire con nuovi lavori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.