Quantcast

L’Aceto Balsamico, tipologie e utilizzi del condimento più apprezzato in cucina

Più informazioni su

Eccellenza della tradizione italiana, l’Aceto Balsamico spicca fra i condimenti agrodolci più ricercati da chi ama la buona cucina.

Le normative europee ne distinguono due tipologie il tradizionale DOP e l’Aceto Balsamico di Modena IGP. Ed è alla seconda che il mercato risponde con maggiore attenzione, decretandone il successo fatto di ampia diffusione e apprezzamenti, che giungono praticamente da ogni parte del globo.

Prodotto rispettando il metodo tradizionale, e gli altissimi standard qualitativi, l’Aceto Balsamico di Modena spicca fra la gamma di prodotti pregiati offerti dal made in Italy. Tante le proposte e le miscele, una diversa dall’altra di cui scoprire l’eccellenza al link Denigris1889.com/aceto-balsamico, sinonimo di una lunga storia fatta di autentica passione e sapienza nella produzione.

Dall’esperienza di tre generazioni, e di oltre 120 anni di attività, nasce un condimento unico e ineguagliabile, in grado di esaltare i piatti della cucina italiana, passando con nonchalance dalle insalate ai dolci, dai risotti agli arrosti.

Le tante declinazioni dell’Aceto Balsamico di Modena

La prestigiosa miscela di aceto di vino e mosto cotto d’uva concentrato, di 7 vitigni regionali, vanta diverse declinazioni, che si distinguono per densità, sfumature ed equilibrio tra agro e dolce.

Un grande classico come l’Aceto Balsamico di Modena ad alta densità ci consente di esaltare appieno i sapori. Grazie alla consistenza intensa e corposa è perfetto per essere abbinato a piatti gourmet, risotti e dessert.

Dalla densità alta a quella media, la cosa importante è scegliere il condimento più adatto al piatto che vogliamo preparare. Così il bouquet della proposta a media densità impreziosisce risotti, omelette, arrosti, carni e pesce.

L’Aceto Balsamico di Modena IGP bio a densità media è realizzato con materie prime che provengono direttamente dall’agricoltura biologica, vanta un gusto intenso e vellutato, ed è ideale per tutta una serie di piatti freddi dalle insalate alle verdure grigliate e bollite.

L’Aceto Balsamico di Modena scopriamo gli utilizzi in cucina

Dove si usa l’Aceto Balsamico? Naturalmente in cucina per impreziosire pietanze e intingoli, preparare deliziose marinature, realizzare ricette ricercate, portare in tavola un’ampia carrellata di soluzioni che vanno dagli antipasti ai dolci.

Sulla carne …

Ideale per regalare sapore alla carne l’Aceto Balsamico si può usare a crudo, a cottura ultimata di un filetto o di un arrosto.

Ottima la scelta che lo vede fra gli ingredienti necessari per preparare una deliziosa marinatura, una glassa o una salsa, perfette per condire la carne alla griglia.

Con il pesce …

Non possono mancare gli abbinamenti con il pesce. In questo caso l’Aceto Balsamico si può usare a crudo oppure per impreziosire la cottura. Ottimo anche sulle crudità sfruttando, come per la carne, marinatura, glassa e salsa.

Per insaporire le verdure …

Quello con le verdure, crude o cotte, è un matrimonio d’amore e gusto. Qualche goccia di aceto è perfetta sul pinzimonio di verdure, sulle semplici insalate e sulle cipolle rosse.

Dolci e frutta per sfatare un’idea sbagliata …

Stemperato su dolci e frutta l’Aceto Balsamico è un tripudio di gusto e sfata l’idea, profondamente sbagliata, che abbinare il dolce a un gusto più pungente non prometta nulla di buono. Provare per credere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.