Quantcast

Casteldelbosco, scatta la raccolta di firme per salvare il presidio di medicina generale

Parte la petizione da presentare all'Asl. E la Consulta incassa il sostegno dell'amministrazione comunale

Una petizione popolare per chiedere all’Asl Toscana Centro di rivedere la propria posizione e salvare così il centro medico di Casteldelbosco. E’ stata lanciata dalla consulta di Casteldelbosco una raccolta firme per cambiare le regole sugli incarichi a tempo determinato dei medici di base e salvare il presidio medico di medicina generale della frazione. Oggetto della contestazione è il verbale del 5 febbraio del 2020 che impone determinate norme per i medici con incarico a tempo determinato. La regola è che questo si comporti come sostituto e non acquisisca scelte. “Consapevoli che nell’ambito del comune di Montopoli ad oggi sussistono le condizioni di carenza assistenziale – si scrive nella petizione – siamo fortemente convinti che la posizione assunta dal comitato aziendale sia in netto contrasto con il diritto di libera scelta del medico, del luogo di cura e del rapporto fiduciario tra medico e cittadino. Riteniamo inoltre che la scelta del Comitato sia anche fortemente anacronistica e in antitesi rispetto alle esigenze e alle necessità determinate dell’attuale periodo di pandemia in cui il servizio di prossimità che svolge la medicina generale e la garanzia di accesso al  sistema sanitario nazionale sono divenuti elementi imprescindibili di risposta ai bisogni emergenti per rinforzare il territorio e portare le cure a casa dei cittadini”.

L’argomento è stato oggetto di discussione e di dibattito durante l’ultima consulta di frazione. “Siamo con i cittadini di Casteldelbosco – hanno detto la vicesindaca Linda Vanni con delega alle politiche sociali e il sindaco Giovanni Capecchi –. Da parte nostra faremo tutto ciò che è in nostro potere per parlare con l’Asl. La pandemia ci ha dimostrato quanto sia importante poter contare su un servizio sanitario di prossimità. Al momento non è consentito al medico incaricato a titolo provvisorio di effettuare nuove acquisizioni e non è un caso se siamo già alla seconda sostituzione in meno di un anno. Una situazione d’incertezza che crea preoccupazione specialmente nei soggetti più fragili che si aspettano di trovare nel medico, non solo una persona a cui affidarsi per le cure ma un riferimento, una persona di fiducia. Appoggiamo la raccolta firme e chiediamo che venga incaricato un medico di medicina generale a carattere provvisorio per poi giungere a una assegnazione definitiva che possa porre fine a questa situazione di disagio”.

“Non ci possiamo permettere – dice Roberto Salvadori della Consulta – che la frazione di Casteldelbosco, piccolo paese ai margini del territorio comunale scarsamente servito dai trasporti pubblici, possa perdere anche l’ambulatorio medico, situazione tra l’altro che andrebbe a colpire soprattutto gli anziani, gli ammalati e più in generale tutti coloro che hanno difficoltà negli spostamenti”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.