Quantcast

Montopoli, 30 alberi piantati dove c’erano i ruderi di un ex allevamento foto

Il progetto prevede la nascita di un bosco didattico

Prende vita il progetto di Unicoop Firenze. Questa mattina (20 novembre) sono stati piantati trenta alberi dove fino a poco tempo fa sorgevano i ruderi di un ex allevamento. Un’iniziativa dal nome Abbraccia un albero, dai vita a un bosco che prevede la nascita di un bosco didattico che correrà lungo la FiPiLi e che conterà 3 mila alberi.

“Vedere i primi effetti della bonifica di questi luoghi – ha detto il sindaco di Montopoli in Val d’Arno Giovanni Capecchi – mi riempie di gioia. Domani sarà la giornata degli alberi, mi ricordo che da piccolo a scuola ce ne facevano piantare uno in giardino, ogni anno. Oggi qui abbiamo fatto la stessa cosa. Tutti sappiamo quanto servano gli alberi e i boschi all’ambiente, lo hanno ribadito anche le recenti conferenze internazionali, da Montopoli parte un’iniziativa che non solo porterà alla restituzione di una zona fortemente inquinata alla collettività ma che vedrà nascere un bosco. I ringraziamenti vanno a Unicoop Firenze per aver scelto di portare avanti qui questo progetto, alle tante persone che hanno contribuito partecipando alla raccolta fondi e alle associazioni del territorio che si sono mobilitate per questa iniziativa. In particolare un grazie va al gruppo Fratres di San Romano per la generosa donazione”.

L’inaugurazione del bosco è prevista ad aprile 2022 e si conta che i 3 mila alberi possano nei prossimi 10 anni assorbire 170 tonnellate di CO2 e una mole importante di inquinanti con notevoli benefici per la qualità dell’aria. Intanto la bonifica effettuata nella zona ha permesso la rimozione di 17 mila tonnellate di cemento e asfalto e di restituire il suolo al suo ciclo naturale, recuperando anche la permeabilità del terreno. Una campagna finora sostenuta da oltre 10 mila soci donatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.